07162018Headline:

27 gennaio, Giorno della Memoria. Al Teatro di Cascina, in scena: “La casa delle bambole” da Yanehl de Nuhr, con Livia Castellana

22gennaio 2017 da Fondazione Sipario Toscana, Città del Teatro di Cascina

Un racconto autentico, di uno dei periodi più tragici della storia. Per celebrare la Giornata della Memoria la Fondazione Sipario Toscana ONLUS presenta alla Città del Teatro di Cascina la  “La casa delle bambole”, liberamente tratta dai diari di Yanehl de Nuhr, internato nel campo di concentramento di Auschwitz.

Lo spettacolo, prodotto dalla stessa Fondazione, verrà rappresentato il 27 gennaio alle ore 21 (biglietto 5 euro) nella Sala Ridotto e vedrà in scena Livia Castellana, con la regia di Martina Benedetti.

Le vicende sono vere fin nei minimi particolari: testimonianza di un’epoca in cui un gruppo di uomini accecati da un fanatismo folle e incontrastato, credettero di poter asservire altri  uomini, spegnendo in essi ogni parvenza di dignità umana, in virtù di una pretesa superiorità razziale. 

Il racconto è basato sulle esperienze vissute di una giovane ragazza ebrea, Daniella Preleshnik  e si svolge prima nel ghetto di una piccola città polacca, poi in un campo di prostituzione, la casa delle bambole. Questo vuole essere un documento di vita vissuta, che suoni da monito all’umanità, affinché gli uomini non ricadano nei folli errori del passato che, piuttosto che i perseguitati, ha degradato i persecutori al livello della più bassa bestialità.

Il libro racconta l’inferno di Daniella, giovanissima ebrea che si ritrova senza la sua famiglia a sopravvivere dapprima in un ghetto polacco, e poi internata insieme ad altre ebree in quella che è la casa delle bambole del titolo. Così viene infatti chiamata dalle ebree nei campi di lavoro la baracca in cui queste giovani sono costrette a prostituirsi, per dare modo alle SS di svagarsi e dare sfogo ai propri istinti. Ma il cibo e le lenzuola pulite una volta a settimana non bastano a sottrarre delle ragazze dal vero orrore: offrire il proprio corpo a chi ne farà carne da macello. I soldati mandati al campo della gioia perché sono stati bravi, sono i loro padroni; coloro che forse si trovano lì proprio per avere sparso il sangue di un familiare di colei che deve sottostare alla violenza. E per molte donne la situazione è talmente insostenibile da preferire la morte a tanto scempio della dignità umana. Scritto in modo diretto, senza pesare le parole ma sbattendo in faccia ciò che è stato a tutti coloro che leggono, questa è l’ennesima testimonianza della bestialità umana che fu ma che purtroppo spesso continua ad essere.

Prezzo biglietto:  € 5 Info biglietti: biglietteria@lacittadelteatro.it – T. +39 345 8212494. Info eventi: www.lacittadelteatro.it
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)