06182018Headline:

Olimpiadi di Rio … l’Italia in cerca della 200 medaglia

(AP Photo/David Goldman)

(AP Photo/David Goldman)

Con una colorata e allegra cerimonia d’apertura svolta al Maracanã che ha emozionato milioni di spettatori si sono ufficialmente aperte le Olimpiadi 2016.

È iniziata questa notte la grande avventura di Rio con una cerimonia d’apertura spettacolare che ha incantato tutti, accontentando anche la stampa più critica. La regia è stata affidata alla creatività del team di Marco Balich architetto dell’Expo e dello Juventus Stadium.

06agosto 2016 di Patrizia Russo

Non è un momento facile per il Brasile, che sta vivendo una forte crisi economica e sociale e per di più senza il suo Presidente (Dilma Rousseff, è sospesa dalle sue funzioni per lo scandalo corruzione). Ma nonostante, questi problemi ed il taglio del budget, quello presentato nella notte del 6 agosto è stato un vero e proprio show.

Rio de Janeiro apre le sue Olimpiadi sognando un mondo diverso: più verde, senza intolleranza e ingiustizie. Il messaggio, infatti, è quello della pace, sostenibilità e rispetto dell’ambiente che è passato attraverso la musica, i colori e la danza che da sempre contraddistinguono questo Paese, allegro e pieno di ritmo.

La magia: la colimpiadi-rio1oreografia fatta di elastici verdi, per simulare la foresta amazzonica, mossi dagli Indios che prendevano di volta in volta forme diverse.

La bellezza: quella di Gisele Bündchen, in versione ragazza di Ipanema, ha incantato tutti gli spettatori sfilando sulla musica di Tom Jobim.

La storia: quella di Alberto Santos-Dumont, considerato in Brasile il pioniere dell’aviazione.

Sostenibilità e rispetto dell’ambiente: il messaggio è forte e chiaro, oltre che visibile. La classica parata delle Nazioni è intervallata da biciclette colme di piante. Ogni delegazione riceve il seme di una pianta tipica del Brasile, il Paese con la più alta biodiversità del pianeta (50 mila specie catalogate). Con l’alfiere del Paese sfilano i bambini, uno per delegazione, con in mano una piantina, per augurarci che il mondo che verrà sia più verde e più pulito. I cinque cerchi olimpici sono verdi e arborei.

Pace: pur essendo molto diversi, in realtà siamo tutti uguali. Così sfilano gli indiani con il sari, gli italiani con tailleur firmati Armani, le saudite nei loro vestiti tradizionali, i cubani con bermuda e giacca …; ma sul campo non c’è distinzione di razza, religione ed è questo il messaggio più bello dello sport!

 

La delegazione olimpica italiana, guidata dalla nuotatrice Federica Pellegrini. (Cameron Spencer/Getty Images)

La delegazione olimpica italiana, guidata dalla nuotatrice Federica Pellegrini. (Cameron Spencer/Getty Images)

L’emozione: la sfilata dell’Italia, capeggiata da una splendida e sorridente Federica Pellegrini, fuoriclasse del nuoto, portabandiera dell’Italia alla XXXI edizione dei Giochi Olimpici.

L’accensione della fiamma da parte dell’ex maratoneta Vanderlei de Lima: un atleta che nella maratona di Atene 2004, fu bloccato, a pochi chilometri dal traguardo, da uno spettatore irlandese e per questa ragione conquistò la medaglia di bronzo. L’oro andò al nostro Stefano Baldini. Dodici anni dopo per lui è una vera e propria rivincita!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)