09202017Headline:

Piccoli esperti di Protezione Civile, crescono! La cultura della protezione civile, i valori dell’educazione civica. Finale esercitazioni al Parco Pertini

In programma anche “Illuminiamo il futuro” in collaborazione con Save the Children

Livorno 25 maggio 2017 da Comune di Livorno

E’ giunta alla settima edizione l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Livorno “Protezione Civile o civica?”, che punta a promuovere e a coniugare la cultura della protezione civile con i valori dell’educazione civica.

Un connubio indissolubile quando parliamo di sicurezza del territorio, di comportamenti da adottare in caso di emergenza e di capacità di essere cittadini. Con il coordinamento didattico del Cred Il Satellite, inserito nell’ambito del progetto Scuola Città e con la collaborazione del Corpo di Polizia Municipale, il progetto educativo “Protezione Civile o civica?” ha raggiunto anche quest’anno la fase finale delle esercitazioni al Parco Pertini.

Dall’inizio dell’anno scolastico gli esperti di Protezione Civile e del Volontariato hanno svolto alcune lezioni frontali in classe, affrontando le tematiche del rischio: terremoto, alluvioni ed incendi sia nella logica della causa-effetto, sia nelle attività di protezione civile, messe in campo nelle fasi di emergenza. Venerdì 26 maggio, dunque, al Parco Pertini a partire dalle 9, ben 250 bambini di dieci classi di 4° e 5° di cinque scuole primarie della nostra città (Fattori, Gramsci, De Amicis, Maria Ausiliatrice, Bini), saranno i primi attori di una vera e propria esercitazione di protezione civile. Quella finale avrà il titolo “La Terra trema… Io no!” e sarà tutta incentrata sul rischio sismico. Un grande evento, anche scenografico, dove i bambini si sostituiranno ai professionisti e ai volontari (che comunque li seguiranno in ogni movimento) e intraprenderanno un vero e proprio “Viaggio al centro della Terra”, simulando gli interventi previsti in caso di terremoto.

Importante per la buona riuscita del progetto è stata la collaborazione del corpo dei Vigili del Fuoco, della Polizia Municipale e di tutte le Associazioni di Volontariato (Misericordia di Livorno, Montenero e Antignano, SVS, Croce Rossa Italiana, Associazione Nazionale Carabinieri, Radio Club Fides, Corpo Italiano Soccorso Ordine di Malta, Cives, Associazione Nazionale di Polizia di Stato, Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia, Associazione Radioamatori Italiani), che dispiegheranno mezzi, personale e unità cinofile in affiancamento ai bambini nella simulazione delle operazioni di soccorso. Oltre alla consegna dei consueti attestati di partecipazione a tutti i bambini delle Scuole Elementari, quest’anno prosegue la consegna ad ogni classe di una Safety bag, uno zainetto da tenere bene in vista in classe e da utilizzare in caso di necessità. La Safety bag contiene 20 coperte isotermiche, una cassetta di Pronto Soccorso, una torcia, un coltellino svizzero multiuso, una radiolina FM/AM + Pila, una bussola, una scatolina plastica per mettere eventuali farmaci, una borraccia di alluminio.

Come affermato dal sindaco Filippo Nogarin: “Il progetto, al suo settimo anno di vita, risulta sempre più amato dai bambini e non soltanto. Con loro e le loro famiglie affronta temi importanti come la consapevolezza del rischio, l’auto-protezione, il valore fondamentale del rispetto delle leggi e una particolare attenzione rivolta alla tutela e alla salvaguardia del territorio. E aggiungo il riconoscimento del lavoro fondamentale che ricoprono i professionisti della protezione civile, (VVFF, Corpo Forestale, etc.) e i Volontari, specialmente quest’ultimi che dedicano parte del loro tempo libero per offrire un servizio di vitale importanza per tutti. E’ importante che passi il messaggio che la Protezione Civile venga sentita come un bene comune a cui tutti i cittadini sono tenuti a collaborare. L’espressione coniata dai bambini stessi “la protezione civile siamo noi” continua il sindaco pian piano sta dunque divenendo sempre meno uno slogan; stimolata da iniziative di informazione la nostra cittadinanza è sempre più interessata ai temi della sicurezza che si integra con atteggiamenti civici e virtuosi. Quando non ci sono da affrontare e gestire le emergenze, il compito principale della Protezione Civile è proprio questo: cercare di creare le migliori condizioni per informare il maggior numero possibile di persone”.

 

Infine, anche per quest’anno continua la campagna contro la povertà educativa “Illuminiamo il futuro”, realizzata in collaborazione con Save the Children.

Nell’ambito del progetto “Protezione Civile o civica?” è stato chiesto ai bambini di scrivere un piccolo messaggio su un lucchetto di cartone da dedicare ai bambini più sfortunati. A partire dal 24 maggio, tutti i lucchetti saranno attaccati ad un piccolo cordoncino lungo tre ponti cittadini: il ponte di Piazza Cavour, il ponte di Via della Madonna e il ponte di ferro vicino al Mercato Centrale. “Si tratta di un gesto simbolico, ma significativo” afferma Bruno Gaziano coordinatore locale di Save the children “Messaggi rivolti ai bambini da bambini che vengono lasciati per qualche giorno appesi lungo i ponti, strutture che congiungono a volte punti distanti e che sono capaci di unire. Protezione Civile, civica anche per illuminare il futuro”.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)