06192018Headline:

Pisa Maceratese (play off) 3-1

Image and video hosting by TinyPicPisa e Maceratese ancora loro ma, questa volta non è campionato è play off

E, una delle due contendenti deve lasciare il campo da sconfitta, mentre la vincente potrà continuare ad inseguire il sogno in serie B

17maggio 2016 di Valerio Poli

Per tutta la settimana sia a Pisa che a Macerata, il pubblico si affanna nel presenziare all’evento: nella città della Torre è evidente la febbre da play off, con i biglietti praticamente esauriti e le lunghe file ai botteghini per assicurarsi il prezioso tagliando. Sull’altro versante c’è da organizzare una trasferta storica perciò massimo impegno e massima partecipazione.

Image and video hosting by TinyPicLe due squadre si conosco bene, del resto sono le due formazioni che hanno animato il girone B della Lega Pro perciò c’è da aspettarsi pochi tatticismi e partita aperta ad ogni pronostico.
Mister Gattuso sceglie Eusepi come riferimento in avanti con ai suoi lati l’espero Mannini e Varela. Anche mister Bucchi si presenta all’Arena Garibaldi con un ostico tridente: Fioretti – Kouko e Bonaiuto devono spaventare la difesa avversaria, poi c’è l’esperto ed ex neroazzurro D’Anna a giostrare direttamente dietro al tridente.

Squadre offensive ed infatti la partita è emozionante con continui capovolgimenti di fronte: al 7° minuto uno straripante Mannini costringe al fallo da cartellino giallo Imparato mentre due minuti più tardi è Kouko a spaventare Bindi grazie ad un bel lancio di Bonaiuto.

  • Poco dopo il quarto d’ora di gioco, bella occasione per la Maceratese con Fioretti che dalla sinistra lavora un bel pallone e colpisce il palo con Bindi che aveva lasciato pericolosamente e colpevolmente quella porzione di porta libera dalla guardia.
  • Il Pisa, dopo aver rischiato seriamente di incassare una rete, torna a farsi vedere in un paio di circostanze nell’area avversaria. La partita si sblocca al 38° quando su calcio d’angolo battuto da Mannini, Crescenzi salta più in alto di tutti e batte l’estremo difensore avversario. Pisa che chiude la prima frazione in vantaggio di una rete.
  • Nessun cambio nell’intervallo e squadre che tornano a giocare con i medesimi undici e con la medesima intensità ma in questa prima fase è la Maceratese che prova ad alzare i ritmi per impensierire l’estremo difensore neroazzurro. Bindi, suo malgrado, è protagonista della partita, si infortuna dopo un rinvio e malgrado l’intervento dei sanitari è costretto a lasciare il posto a Brunelli.
  • Il Pisa raddoppia: errore della retroguardia biancorossa e Mannini dal dischetto raddoppia senza troppi problemi. Chi pensa che la partita sia finita si sbaglia di grosso, la Maceratese non getta la spugna e si catapulta in attacco per provare a riequilibrare l’incontro.
  • Al 36° minuto, sull’azione di un calcio da fermo, la palla spiove a centro area dove Altobelli spiazza l’incolpevole Brunelli. Partita riaperta e aspetto psicologico che ora gioca a favore degli ospiti che non hanno nulla da perdere e provano a guadagnare campo. Inevitabilmente si aprono spazi per le ripartenze neroazzurre e dopo un paio di tentativi andati a vuoto, al 41° Peralta su un azione personale, fissa il risultato sul 3-1.

Partita che vede solamente i titoli di coda e la gioia incondizionata di mister Gattuso e di tutta la rosa. Onore anche alla Maceratese che si è presentata all’Arena Garibaldi senza tanti fronzoli, giocando la propria partita e mettendo in difficoltà in qualche occasione la retroguardia avversaria. Pisa che sbaglia in qualche ripartenza ma risultato che tutto sommato rispecchia i valori in campo.

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)