“Embè?” è il nuovo cd della Banda Elastica Pellizza

27 giugno 2015 di Michele Faliani e Enrico Bulleri

Billy Bragg scrisse a chiare lettere sulla copertina del suo capolavoro “Talking with the taxman about poetry” THE DIFFICULT THIRD ALBUM, a sottilineare quanto la terza prova sulla lunga distanza sia la più difficile per qualsiasi artista.

Non deve essere stato poi così difficile pbanda-elastica-pellizza-2015er la Banda Elastica Pellizza, che con “Embè?” rilascia sul mercato il titolo più convincente della sua discografia.

Gli ingredienti sono gli stessi di “La parola che consola” e “Oggi no”, i precedenti due album: canzone d’autore chiaramente ispirata a Giorgio Gaber (ma perché no anche a Giorgio Conte o ai capolavori di Mimmo Locasciulli di fine anni 90), con testi ironici e divertenti accompagnati da arrangiamenti pressoché perfetti. Solo che stavolta la scrittura si fa ancora più a fuoco, più convincente che in passato.

Gli episodi più riusciti sono la title-track (arrangiata da Guido Guglielminetti, ‘capobanda’ della Francesco De Gregori Band), la jazzata “L’ape” e “Le chiappe della moglie di Ernesto”, con il suo ritornello irresistibile quasi ‘posseduto’ dalle chitarre in stile Marc Ribot.

Proprio un bell’album, consigliatissimo a chi in un disco di musica italiana cerca più di una chitarra acustica calante, di una voce stonata e di qualche testo insulso. MF

bandaelasticapellizza2012E’ appena uscito il terzo, nuovo disco degli indipendenti e auto-prodotti Banda Elastica Pellizza, “Embè?”, sempre in bilico tra ironia e la satira, oltre che la musicalità, l’atmosfera della scuola torinese che li contraddistingue, le cui tracce dimostrano un raggiunto equilibrio nella follia gaberiana dei testi al cui spirito si rifanno apertamente.

Liberi da vincoli di vendite, pressioni di marketing e strategie del boccheggiante mercato discografico italiano, ma solamente mossi dal piacere di poter suonare tra amici collaudati e che amano ritrovare il gusto anche in presa diretta, di registrare un bel lavoro fatto di 12 pezzi.

Basti citare i titoli non-sense delle canzoni contenute: “Le Chiappe della Moglie di Ernesto”, “Bara per te”, “La Trama”, “Le Forze Disarmanti”, “Liscio”, “L’Ape”, “Embè?”, “La Manza”, “Hermosa”, “Tiro A Campari”, “Hare Hare Cellulare”; “Il Paesaggio Infinito”.

Varietà di generi e di stili è la parola d’ordine, andando dalla canzone del titolo l’unica arrangiata da Guido Guglielminetti, al funky quasi rappeggiante di “Bara per te”, passando per le melodie più lente con tanto di accompagnamento dell’Hammond di “Liscio”, alle venature più jazzistiche de “L’Ape”, alla contaminazione persino “country” de “La Manza”, passando per il rock/pop più melodico e alla musica cubana di “Hermosa”.

La vena sarcastica del gruppo torinese e la sua capacità di fotografare l’Italia di oggi in piena bancarotta esistenziale, economica, sociale e il suo “ventre molle”, oltre che i suoi cafoneschi “mostri umani”, si è fatta molto più matura e precisa, il gusto dell’ascolto è notevole, grazie anche ad una cura degli arrangiamenti, e l’eclettismo e l’eterogeneità dei testi di Pellizza, tra il sardonico irresistibile e sgangherato alla Alfredo Cerruti-Giancarlo Bigazzi e la poesia pungente e amara del Giorgio già citato, non così comune da trovare nel panorama musicale italico contemporaneo. EB

Recommended For You

About the Author: Pisorno

Comments are closed.