02182018Headline:

Amministrative 2016: a Sesto Fiorentino la Sinistra alternativa alle destre e al PD, al ballottaggio. I comunicati

Image and video hosting by TinyPicA Sesto la vera partita Toscana. La Sinistra può vincere il ballottaggio con il Partito Democratico

6maggio 2016 da Si-Toscana a Sinistra, Firenze

Tommaso Fattori (Sì Toscana a Sinistra) in consiglio regionale della Toscana, commenta:

“A Sesto Fiorentino si gioca una partita determinante per il futuro dell’intera piana, a partire dalla nuova pista di Peretola e dall’Inceneritore di Case Passerini. Che questa sia la vera partita regionale lo sa per primo Renzi, che non a caso venerdì scorso ha deciso di chiudere proprio a Sesto la campagna elettorale “mettendoci la faccia”, come ama dire lui”.

Per Fattori il Partito Democratico è il partito del:

  • No alla modernità.
  • No alla strategia rifiuti zero, in nome della conservazione del vecchio modello fondato sugli inceneritori
  • No allo sviluppo armonico della piana, preferendo portare avanti il folle progetto di nuova pista aeroportuale invece del parco agricolo e invece di puntare sul Polo Scientifico Universitario.

La Sinistra del Sì, invece, ha un programma di governo radicalmente alternativo, che mette assieme economia circolare, rifiuti zero, creazione di posti di lavoro, ambiente e ricerca scientifica e a Sesto potremo vincere e governare.Tommaso Fattori commenta così la situazione:

Image and video hosting by TinyPic

“A Sesto la sinistra andrà al ballottaggio contro il PD, con Lorenzo Falchi. Questa è la sinistra che ha un futuro: radicata e con un programma di governo nettamente alternativo alle destre e al Partito Democratico.

Image and video hosting by TinyPicI casi di Sesto Fiorentino e Napoli mostrano esattamente questo, che dove non si mette in piedi un progetto elettorale in fretta e furia a poche settimane dalle elezioni e dove invece si è costruito negli anni radicamento e credibilità, si può vincere. Certo, manca ancora un soggetto veramente unitario in grado di dare alla sinistra riconoscibilità nazionale e connetterla alla nuova onda europea di Podemos e Syriza. Ovviamente è una grave mancanza, pagata a caro prezzo a ogni tornata elettorale, e non andrebbe dimenticato”.

Non dimentichiamo però neppure le potenzialità del laboratorio toscano. Un anno fa “Sì Toscana a Sinistra”, alle elezioni regionali, ha preso oltre il 10% dei voti nelle maggiori città toscane:

  • 12% a Livorno,
  • 11% a Firenze,
  • oltre il 10% a Pisa”.

Image and video hosting by TinyPicA Sesto, a queste amministrative, la sinistra aveva due candidati eccezionali, con idee chiare, Lorenzo Falchi (27,40%) e Maurizio Quercioli (19,19%), 46,59% di voti complessivamente, contro il 32,56% del PD.

E con loro tante persone appassionate, preparate, che da anni lavorano quotidianamente sul territorio e che hanno costruito questo risultato eccezionale. Adesso si tratta di mettere assieme questi due pezzi di popolo e vincere, ne va del futuro della piana e anche del futuro di tutti noi. Due sinistre forti, con progetti solidi e sostanzialmente coincidenti.

Due Sinistre che, a livello regionale, fanno parte del medesimo progetto unitario, “Sì Toscana a Sinistra”. Adesso Lorenzo Falchi andrà al ballottaggio e potrà essere il nuovo Sindaco di Sesto”.

Elezioni 2016, i ringraziamenti e complimenti della Segreteria provinciale di Rifondazione Comunista, al Circolo di Sesto Fiorentino

Image and video hosting by TinyPic6giugno 2016 da Rifondazione Comunista, Firenze

Il risultato delle scelte delle compagne e dei compagni del Circolo di Sesto Fiorentino non era scontato. Il cambiamento del gruppo dirigente, la giovane età delle persone che si sono avvicinate negli ultimi mesi, la collocazione all’interno della coalizione a sostegno di Maurizio Quercioli: diversi elementi sono stati al centro di prevedibili attacchi politici.

Al di fuori di logiche meramente elettorali le decisioni sono state prese con convinzione e nella prospettiva di un rilancio dell’attività sul territorio. Da oggi aiutano i primi importanti risultati. La lista in cui è presente il nostro simbolo passa dai 362 voti del 2014 (1,34%) ai 1330 del 2016 (6,09%). I risultati delle candidature confermano un ruolo da protagonisti all’interno della coalizione, nonostante le preferenze si siano concentrate su più compagni, tanto da non garantire l’elezione del Consigliere Comunale, nonostante tre dei primi sei candidati per preferenza siano persone iscritte al Circolo di Rifondazione. In particolare la Segretaria di Circolo (Rosa Matucci) è arrivata seconda, ottenendo oltre il doppio delle preferenze del miglior risultato di due anni fa, superato in modo significativo anche dal compagno Niccolò Ciapetti.

A tutte le persone che hanno reso possibile questo risultato va un enorme ringraziamento per il modo in cui hanno affrontato la campagna elettorale e i complimenti per il risultato ottenuto.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 5 votes)