12132017Headline:

Domenica 5 novembre, ore 18,00 a Livorno, Centro artistico Il Grattacielo, per il ciclo: Sguardi in Autunno 2017, il  docu-film ‘Essere Rossana Rossanda’

Un documentario di Mara Chiaretti, un ritratto potente, vivo, forte.

 

4novembre 2017 da Evelina De Magistris, Livorno

‘Essere Rossana Rossanda’, il  docu- film di *Mara Chiaretti (documentarista e gallerista, amica da quarant’anni di Rossana) racconta, con un accurato montaggio, attraverso un’ampia scelta di documentazione e i dialoghi tra Rossanda e Nadia Fusini, Carlo Freccero, Fabrizio Barca, Philippe Daverio e Sandro Lombardi, questa donna,  “La ragazza del secolo scorso”, come si definisce nel titolo di un suo bellissimo libro.

Vengono ripercorse alcune tappe fondamentali: dalla sua esperienza di partigiana all’ingresso nel Pci, dal rapporto con Togliatti alla radiazione dal partito, dal ’68 al rapporto con il movimento femminista, dalla fondazione del ‘Manifesto’ al suo addio al giornale nel 2012. Si parla di politica ovviamente, ma anche di arte, di rapporti umani, di pregi e difetti, di storia, del tempo presente, con le sue ingiustizie forse ancora più dure rispetto al passato, soprattutto perché sembra essersi assai attenuata la forza con cui le si combattono. E tuttavia Rossanda ci invita a non arrenderci :

  • Mai rinunciare alla ragione, alla libertà.

  • Mai rinunciare a combattere i condizionamenti materiali della libertà.

È un vero peccato che il film (durata 60 minuti) prodotto da Picomedia non abbia trovato finora qualcuno disposto a distribuirlo.

*Mara Chiaretti è nata a Roma nel 1935. Si è occupata da sempre di arte contemporanea scrivendo su quotidiani e settimanali. Dal 1967 al 1972 ha diretto la Galleria d’Arte Iolas-Galatea e poi fino al 1989 si è occupata di arte contemporanea nello Studio Mara Chiaretti di Roma. Dal 1992 è stata assistente alla regia di Federico Tiezzi della Compagnia teatrale ” I Magazzini”. Nel 1997 ha diretto il documentario Swing Heil (Premio Sacher d’Argento 1998) e nel 1999 Em Shakulà – Madre senza (Menzione speciale della Giuria al Festival Arcipelago 2000). Nel 2001 ha diretto Davai bistrè! Avanti presto! prodotto da Nanni Moretti e Angelo Barbagallo per la serie “I diari della Sacher”, presentato al Festival cinematografico di Venezia 2001. Nel 2001 ha scritto e diretto il cortometraggio Vestito da sposa presentato al Torino Film Festival nell’ottobre 2001 Nel 2006 ha scritto e diretto Siluro rosso distribuito da BIM, documentario sulla vita di Rubén Gallego, scrittore disabile cresciuto in un orfanotrofio dell’Unione Sovietica. Siluro rosso ha preso il premio internazionale Gogol della Fondazione Eltsin. Il suo ultimo lavoro, del 2013 Io sono qui, dialogo muto con una figlia.

L’evento è promosso da: Associazione Evelina De Magistris; Circolo del cinema Kinoglaz, Centro artistico Il Grattacielo. 
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)