10202018Headline:

Elezioni politiche, candidature. Assemblea territoriale Val di Cornia-Alta Maremma lista ‘Potere al Popolo’, a Venturina Terme 8 gennaio

Lunedi 8 gennaio, alle ore 18, presso la Saletta comunale di Venturina (Via della Fiera, 1), si svolgerà l’assemblea territoriale di Potere al Popolo Val di Cornia – Alta Maremma. All’ordine del giorno la creazione della lista elettorale che affronterà le imminenti elezioni politiche nazionali, in programma domenica 4 marzo.

6gennaio 2018 da Francesco Antenucci, lista ‘Potere al Popolo’ Piombino


Collegio uninominale Camera dei Deputati-Grosseto

Dopo le precedenti tre assemblee di dicembre (Piombino 5, Follonica 14 e Venturina Terme 27), nelle quali è stato presentato il progetto politico, si è discusso su eventuali modifiche al programma elettorale e si è creata una piccola struttura organizzativa, ora è giunto il momento di individuare delle persone capaci di rappresentare le istanze di Potere al Popolo. Questo confronto ha visto un passaggio preliminare all’interno del neonato gruppo politico, che presenterà le proposte all’assemblea, la quale deciderà in piena autonomia. Quello che insomma era stato promesso alla presentazione del progetto nell’assemblea romana di apertura (18 novembre) è stato mantenuto:

“le candidature saranno decise dall’assemblea, che ovviamente sarà pubblica e di libero accesso per chiunque.”

Fatto il passaggio interno all’assemblea territoriale, ci sarà quindi un confronto con quella di  Grosseto, con la quale dovrà essere condiviso il nome delle e dei candidati per la compilazione della lista relativa al collegio uninominale della Camera dei deputati. Saranno invece affrontate nei prossimi giorni le candidature riguardanti il plurinominale della Camera (con Grosseto, Arezzo e Siena), l’uninominale del Senato (con Grosseto e Livorno) e il plurinominale del Senato (con Livorno, Pisa, Arezzo, Siena, Grosseto e qualche comune del fiorentino). I requisiti richiesti per ricevere una candidatura sono innanzitutto la parità di genere, un radicamento nel territorio, una coerenza chiara tra il curriculum del candidato e il programma elettorale. Un equilibrio tra quei settori che ci vedono impegnati socialmente: lotta allo sfruttamento sui posti di lavoro, ambiente, salute, diritti, cultura, servizi, movimento delle donne, casa, immigrati, beni comuni, internazionalismo, lotta per la pace, controinformazione, lotta alla repressione. Trovare poi un equilibrio fra le generazioni, e i soggetti sociali che promuovono la lista, oltre ad un equa distribuzione territoriale al fine di esprimere al meglio l’articolazione del collegio.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)