Gallina Livornese, nasce il primo club di razza, tra orgoglio e identità culturale

In autunno è in agenda un convegno sulla biodiversità della razza avicola autoctona

15agosto 2017 da Comune di Livorno

E’ famosa in tutto il mondo sia per la sua bellezza (primo premio al trofeo europeo della mostra francese di Metz del 2015) che per la sua resistenza ma, soprattutto, per la capacità di depositare una notevole quantità di uova ogni anno, fino a 300, ben superiore a quella delle colleghe ovaiole. E’ la gallina livornese, diffusa in tutto il mondo con questo nome proprio perché partì per la prima volta dal porto di Livorno. Fu infatti il capitano Gates, nel 1830, a far arrivare nel porto di Mystic nel Cunnecticut i primi esemplari e da lì la razza ha cominciato a diffondersi in tutto il mondo.

Sebbene tanti sono i “Leghorn Club”, i club di razza avicola dedicati all’ovaiola livornese nati nei vari paesi (ad esempio in Gran Bretagna e in Olanda) e molto attivi con convegni e pubblicazioni dedicati, Livorno, patria indiscussa del ruspante, non ne aveva ancora uno tutto suo fino a che, alla fine dell’anno scorso, la Federazione Italiana Associazioni Avicole (FIAV) non ha rilasciato il riconoscimento federale per club di razza Livorno. Il club, che ha sede al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di via Roma 234, è stato presentato a Palazzo comunale dall’assessore al turismo Francesco Belais, alla presenza di Corrado Minazza, presidente del club, Margherita Marzoni Fecia di Cossato, ricercatrice dell’Università di Pisa e vicepresidente del club, Giuseppe Chionetti segretario e Mario Lupi, promotore biodiversità razza Gallina Livorno. L’incontro è stato l’occasione per presentare anche i risultati dello studio dell’Università di Pisa promosso lo scorso anno da FIAV (Federazione Italiana Associazioni Avicole), pro Loco Livorno e Comune di Livorno che ha indagato la gallina come biodiversità. L’equipe della ricercatrice che ha guidato lo studio, la dottoressa Margherita Marzoni Fecia di Cossato del dipartimento di Scienze Veterinarie, ha studiato l’allevamento avicolo nel podere le Querciole, a S. Piero a Grado, un vero e proprio centro di eccellenza per la conservazione genetica della gallina livornese con 50 esemplari, le cui uova, rigorosamente bianche e identificabili per il tuorlo dal giallo molto intenso, sono risultate particolarmente proteiche. La ricerca ha permesso di mettere a punto una scheda di rilevamento delle galline livornesi grazie alla quale è stato possibile quantificare ed elencare gli allevatori in purezza presenti su tutto il territorio italiano, individuati in tutto in 102.

“La gallina livornese non è solo la più famosa e diffusa al mondo ma, con la sua forma elegante e il folto piumaggio nelle varie colorazioni, è anche tra gli esemplari più belli da vedere, – ha dichiarato l’assessore Belais – basti pensare che ha avuto una forte eco anche nell’ambito dei cartoni animati, dove il famoso Foghorn Leghorn compare nella serie Looney Tunes della Warner Bros, ed stata ripresa anche nell’alta moda dallo stilista Moschino. Con le sue uova bianche altamente proteiche, la gallina livornese è patrimonio della nostra biodiversità oltre che della nostra tradizione e, in quanto tale, da tutelare. Credo – ha concluso l’assessore – che essa rappresenti indiscutibilmente un elemento di orgoglio identitario per la nostra città e per questo voglio ringraziare l’impegno di quanti con tenacia e spirito di intraprendenza hanno dato il loro essenziale contributo per diffondere questa razza che porta in giro per il mondo il nome di Livorno”.

Dopo il successo del primo convegno dedicato a “Orgoglio e identità culturale della gallina livornese” organizzato dalla pro Loco Livorno l’anno scorso, per novembre è in programma una seconda tre giorni di dibattito, relazioni ed esposizione (10, 11 e 12) a cura del Club Italiano Razza Livorno che vedrà la partecipazione delle società avicole del territorio, della FIAV, del blog Tutto sulle galline, del Comitato per la valorizzazione della gallina livornese e Fisar Livorno, oltre che della ricercatrice del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa, con l’obiettivo di divulgare la biodiversità della razza avicola autoctona e delle sue uova.

Recommended For You

About the Author: Pisorno

13 Comments

  1. It is perfect time to make some plans for the future and it’s time
    to be happy. I’ve read this post and if I could I desire to suggest you some interesting things or advice.
    Maybe you can write next articles referring to this article.

    I wish to read more things about it!

  2. If some one needs expert view on the topic of blogging and site-building after that i advise him/her to visit this
    weblog, Keep up the nice job.

  3. What i do not realize is in reality how you are no longer actually much more neatly-favored than you may be right now.

    You are very intelligent. You understand therefore significantly on the subject
    of this matter, made me individually consider it from
    so many varied angles. Its like men and
    women aren’t fascinated until it is one thing to accomplish
    with Lady gaga! Your personal stuffs outstanding. At all times
    deal with it up!

  4. Wondеrful blog! Do you havee anyy tips and hints for aspіring
    writers? I’m рlanning to start myy own blog soon but I’m a little lost
    on everythіng. Would you recommend starting wіth a free platform like
    Wordpreѕs or go for a paid optiоn? Τhere are so many options out there that I’m totally cоnfused ..
    Any recommendations? Thanks a lot!

  5. Yߋu’re so interesting! I don’t bеlieve I’ve read a single thng like that before.
    So nice to find somebody with ѕome unique thouɡhtѕ on this іssue.
    Really.. thank you fߋr starrting this up.
    Thhis website is one thing that is needed
    onn the web, someone with a littⅼe originality!

  6. Wonderful goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you are just too excellent.
    I actually like what you’ve acquired here, really like what you are stating and the way in which you say it.
    You make it enjoyable and you still take care of to keep it wise.

    I can not wait to read far more from you. This is really a wonderful website.

  7. This piece of writing provides clear idea designed for the new visitors of blogging, that really how to do blogging and site-building.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.