L’americanizzazione del Sistema Sanitario in Italia

“La sanità italiana non avrebbe nulla da invidiare al sistema americano, dove una parte rilevante della popolazione è priva di ogni servizio. Non dovremmo del resto prendere ad esempio i Paesi dove la Sanità è stata privatizzata, con costi a carico dello Stato decisamente piu’ alti e, servizi inferiori e più scadenti.”

2febbraio 2018 di Federico Giusti

Con questo non vogliamo sottrarci ad una critica severa verso il sistema sanitario italiano che  presenta situazioni ottimali ma numerose situazioni diametralmente opposte.

Ma l’obiettivo del Governo è ben altro, procedere verso la privatizzazione  e la costruzione del welfare aziendale. Prendiamo ad esempio il recente accordo tra Jp Morgan, Amazon, Buffett sul welfare sanitario, si parte dal presupposto che lo stato non sia in grado di erogare servizi al cittadino e quindi, con la scusa dell’invecchiamento della popolazione, si va verso il rafforzamento del welfare aziendale e del sistema privato.

La civiltà di un Paese si misura dal grado di istruzione e dal welfare, se guardiamo agli Usa si capisce la natura di classe dell’istruzione e delle stesse cure sanitarie precluse alla parte piu’ povera della popolazione che non puo’ permettersi il pagamento di una assicurazione. La sanità privatizzata cresce perchè il sistema pubblico è stato depauperato, gli stipendi dei medici e dei ricercatori sono piu’ bassi, i servizi scadenti, le professionalità non valorizzate, le liste di attesa per prestazioni e cure sempre piu’ lunghe. Ma la sanità è soprattutto un business dove investono soggetti privati, multinazionali e il terzo settore, l’idea che il pubblico ridotto ai minimi termini serva per curare le fasce sociali meno abbienti mentre il privato si offre come alternativa per i redditi alti, privato che poi beneficerebbe di sgravi e finanziamenti crescenti, è questa la idea sempre piu’ diffusa nel paese e alimentata dai padroni e da quanti traggono vantaggio dalla privatizzazione. 

E’ in questo contesto che si rafforza l’idea dei fondi negoziali, si perora la causa della loro defiscalizzazione, trasformare la spesa sanitaria in pacchetti che indistintamente potranno essere erogati da soggetti privati o pubblici. 

Imitare il modello Usa, allora diventa dirimente all’insegna della privatizzazione, dell’ingresso dei privati a sostituire il pubblico, o meglio ad assorbirne le eccellenze, le esperienze migliori e piu’ moderne. Pubblico diventerà sinonimo di servizi destinati agli utlimi a discapito del carattere universale della sanità? E lo stesso discorso varrà per l’istruzione? Intanto, visto che gli obiettivi a lungo termine necessitano di tappe intermedie, arriva l’incremento della sanità integrativa da imporre dentro i contratti nazionali  e di secondo livello e in sostituzione del servizio pubblico, da qui la proposta di pacchetti sanitari magari a sostituire, sotto forma di bonus, aumenti salariali.

Ma le novità non finiscono qui, arriveremo presto ai pacchetti sanitari offerti dalle multinazionali e recepite dentro gli accordi aziendali come misura di welfare “per accrescere la efficienza e la qualità della vita”

Siamo certi che dietro alle buone intenzioni, come l’idea di dividersi tra privato e pubblico l’onere assicurativo per i cittadini, non si nasconda ben altro: non il disinteressato aiuto delle multinazionali o del terzo settore per assicurare il carattere universale delle cure ma, il disegno strategico di costruire un modello sanitario ben diverso da quello fino ad oggi conosciuto, un modello che vedrà lo Stato sovvenzionare i soggetti privati,  avendo abdicato alla erogazione diretta delle cure e dei servizi. E al raggiungimento di tale scopo avranno un alleato in più, il sindacato che nella Sanità e Previdenza Integrativa si sta invischiato da anni. I fondi e  le assicurazioni saranno sempre piu’ importanti per la sanità, si tirerà in ballo la libertà di scelta dei cittadini che dovranno optare indistintamente per il pubblico o il privato a cui rivolgersi per le cure e le prestazioni.

Chi negli anni ha seguito questo modello si trova con spese sanitarie decuplicate e un elevato numero di cittadini senza cure. Altro che aiuto disinteressato, si lucra sul business sanitario smantellando il welfare.

Recommended For You

About the Author: Pisorno

16 Comments

  1. Hey there would you mind letting me know which webhost you’re using?
    I’ve loaded your blog in 3 different browsers and I must say this
    blog loads a lot quicker then most. Can you recommend a good internet
    hosting provider at a honest price? Kudos, I appreciate it!

  2. It’s a pity you don’t have a donate button! I’d definitely donate to this fantastic blog!
    I suppose for now i’ll settle for bookmarking and
    adding your RSS feed to my Google account. I look forward to new updates and will share this blog with
    my Facebook group. Talk soon!

  3. Nice weblog right here! Also your site rather a lot
    up very fast! What host are you the use of? Can I am getting your affiliate link to your host?
    I wish my site loaded up as quickly as yours lol

  4. Hi, I do think tһis is an excellent blog.
    I stսmbledupon it 😉 I am going tο return once agаin ѕince I book-marked it.
    Money and freedom іs the beѕt way to change, may yօᥙ be rich and cⲟntinue
    to guidе others.

  5. I’ve been surfing online more than 2 hours today, yet I never
    found any interesting article like yours.
    It’s pretty worth enough for me. Personally, if all website owners and bloggers made good content as you did, the web will
    be much more useful than ever before.

  6. Fantastic post but I was wondering if you could write a litte more on this subject?

    I’d be very grateful if you could elaborate a little bit
    further. Bless you!

  7. I’m very happy to discover this web site. I wanted to thank you for your
    time just for this wonderful read!! I definitely enjoyed every part of it and I have you saved to fav to
    see new things on your website.

  8. When someone writes an piece of writing he/she maintains the thought
    of a user in his/her mind that how a user can be aware
    of it. Therefore that’s why this post is perfect. Thanks!

  9. Pretty great post. I just stumbled upon your weblog
    and wanted to mention that I’ve really loved surfing around your weblog posts.

    In any case I’ll be subscribing in your feed and I’m hoping you write again soon!

  10. We’re a bunch of volunteers and opening a new
    scheme in our community. Your web site offered us with valuable information to work on. You’ve performed a formidable task and our whole group will likely be thankful to you.

  11. Oh my goodness! Amazing article dude! Many thanks, However I am encountering issues with
    your RSS. I don’t know why I am unable to join it.

    Is there anybody having the same RSS issues? Anybody who knows the
    solution will you kindly respond? Thanks!!

  12. For newest information you have to pay a quick visit the web and
    on world-wide-web I found this website as a most excellent web
    site for hottest updates.

  13. If you would like to improve your know-how just keep visiting this
    site and be updated with the newest information posted here.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.