09202017Headline:

Manifestazione nazionale del 24 maggio. Tutto il settore culturale italiano si mobilita per dire: “dateci riconoscimento, dignità e risorse, e vi #RilanciamoilPaese”

La mobilitazione, ideata dal gruppo “Mi Riconosci? sono un professionista dei beni culturali” e accolta da professionisti, funzionari, accademici, studenti, direttori e imprenditori del settore culturale, oltre che da tanti semplici cittadini, si estenderà in tantissime città e centri italiani, e punta a riportare la Cultura al centro dell’agenda politica.

20maggio 2017 da Giancarlo Onor

Investire in Cultura, regolamentare le professioni, pianificare ascoltando tutte le parti in gioco, tutelare e valorizzare il patrimonio diffuso, in questo momento storico, è assolutamente necessario per il rilancio sociale, culturale ed economico del Paese.

Le Soprintendenze collassano prive di personale, causando enormi ritardi e disagi ai cittadini; le biblioteche e gli archivi chiudono, facendo perdere spazi sociali e culturali, oltre che fondamenti della Storia del Paese; il turismo culturale cresce meno che nel resto del mondo e si concentra in pochissimi centri, portando pochi soldi e tanti problemi; la disoccupazione nel settore cresce, nonostante la crescita di entrate e turisti, dato che agli impieghi retribuiti si preferiscono lavori saltuari e sottopagati, o volontariato sostitutivo.

Il settore si regge, a fatica, su lavoro di bassa qualità, sfruttato, sottopagato, causando danni terribili ai cittadini e al tessuto sociale: proprio in questi giorni i giornali hanno dato visibilità al caso dei finti volontari della Biblioteca Nazionale di Roma, che dopo aver denunciato le condizioni di sfruttamento in cui versavano, saranno lasciati a casa per dare spazio a volontari del servizio civile. Proprio lì, il 25 maggio (causa visita di Trump a Roma), con quei lavoratori chiuderemo la nostra mobilitazione nazionale, utilizzando la vergogna della Biblioteca Nazionale per denunciare un problema molto più ampio: di casi simili, infatti, è pieno il Paese.

Per far comprendere ai cittadini e soprattutto alla politica tutto ciò, si terranno incontri e sit-in, nelle piazze, si esporranno striscioni presso vari luoghi e istituzioni culturali, si raccoglieranno foto e tweet, volantinaggi e tavole rotonde di discussione. Il tutto accompagnato dallo slogan “e #RilanciamoilPaese”, perché questa politica culturale è folle e controproducente per l’Italia tutta.

Per saperne di più: https://miriconosci.wordpress.com/2017/05/02/24-maggio-rilanciamoilpaese-riconoscimento-dignita-e-risorse-per-la-cultura/ – https://miriconosci.wordpress.com/patto-per-il-lavoro-culturale-2/

 

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +4 (from 4 votes)