Proseguono gli esperimenti su Mario Kompai II, il robot studiato qualche anno fa per gli anziani fragili (leggi alzheimer e demenza senile)

Guardiamo al futuro ed al lavoro futuro

27settembre 2017 di Ruggero Morelli

La società francese Robosoft, dopo i primi tentativi, ha coinvolto nel progetto Mario la R2m Solution, ilCnr, l’università del Galles e l’Ospedale del Vaticano e così ha ricevuto i finanziamenti della Commissione europea. Il piccolo robot ha un volto che ispira simpatia, con il tocco il tablet risponde con semplicità, offre un sostegno fisico, riesce a vedere ed a percepire chi gli sta davanti e si muove su ruote per garantire sicurezza.

Oggi Mario si aggira nei corridoi dell’ospedale ‘Casa del sollievo’ a San Giovanni Rotondo, il più grande del sud nella fase pilota.

L’obbiettivo di aiutare chi assiste gli anziani, che necessitano anche di 20 ore al giorno, si unisce a quello del risparmio sulla notevole spesa sanitaria. L’OMS stima in 47 milioni le persone che soffrono di demenza senile, e l’assistenza costa circa un trilione l’anno. Il numero dei malati può arrivare a 90 milioni nel giro di 20 anni. Ed allora si deve sperare anche nei robot sanitari  orgogliosi del fatto che l’Itala è presente nella ricerca; infatti anche l’Iit di Genova con Giorgio Metta ci dice che in questo settore è molto avanti col progetto R1.

Alcuni progetti simili a Mario Kompai sono:

Recommended For You

About the Author: Pisorno

90 Comments

  1. I blog often and I seriously appreciate your content. This great article has really peaked my interest. I will take a note of your blog and keep checking for new information about once a week. I subscribed to your RSS feed too.

  2. Thanks for every other great article. Where else may anybody get that kind of info in such an ideal meansof writing? I have a presentation subsequent week, andI am at the look for such info.

  3. Wow that was strange. I just wrote an very long comment but after I clicked submit my comment didn’t appear. Grrrr… well I’m not writing all that over again. Anyways, just wanted to say fantastic blog!

  4. It is up to you on how you would use your poker chips. If you are good, you will attempt to bluff your opponents and make them believe that you have a very good hand. Nevertheless, keep reviewing the condition of sport time to time.

  5. I used to be recommended this blog by means of my cousin. I am not positive whether this put up is written by way ofhim as no one else know such detailed approximately my difficulty.You’re wonderful! Thank you!

  6. I just like the helpful information you supply in your articles.I’ll bookmark your blog and test once more here frequently.I am moderately sure I’ll be informed a lot of new stuffright here! Good luck for the next!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.