Aumento infezioni ospedaliere, in Toscana come nel resto d’Italia e in tutto il mondo

Prevenzione e contrasto alle infezioni ospedaliere, apposito team in ogni azienda

20dicembre 2018 da Lucia Zambelli, Firenze

La Regione Toscana ha messo a punto un programma di contrasto che coinvolge tutti i professionisti impegnati nella cura e nell’assistenza al paziente, e prevede la costituzione di appositi team in ogni azienda e in ciascun ospedale. La giunta ha approvato nel corso dell’ultima seduta, su proposta dell’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, le “Linee di indirizzo per un approccio integrato alla prevenzione e contrasto alle infezioni correlate all’assistenza, all’antimicrobico-resistenza e alla sepsi”.

Le infezioni correlate all’assistenza e l’antibiotico-resistenza

Le infezioni correlate all’assistenza (ICA) rappresentano in tutto il mondo un problema preminente di salute pubblica per la loro frequenza e gravità, tanto che questa viene talora definita un’epidemia ‘silente’. Un aspetto ad esse strettamente correlato è rappresentato dalla antibiotico-resistenza, fenomeno in continuo aumento che rappresenta attualmente una vera e propria emergenza globale. L’Italia risulta, in ambito europeo, uno dei Paesi con il più elevato consumo di antibiotici e con preoccupanti livelli di resistenza, soprattutto per alcuni microrganismi a diffusione ospedaliera e territoriale. Oltre a essere un problema sanitario, le ICA hanno anche un notevole impatto socio economico, con un impatto negativo, secondo recenti stime del Fondo Monetario Internazionale, di circa il 3,5% sul Pil mondiale. In Europa, oltre 4 milioni di persone ogni anno vengono colpite da infezioni batteriche ospedaliere, con 25.000 morti attese per infezioni da germi resistenti. Si stima che nel 2050 le infezioni batteriche da batteri resistenti potrebbero causare nel mondo circa 10 milioni di morti l’anno, superando ampiamente i decessi per tumore (8,2 ml/anno), diabete (1,5 ml/anno) o incidenti stradali (1,2 ml/anno).

Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, ogni anno in Italia si verificano 450-700.000 infezioni in pazienti ricoverati in ospedale, si tratta soprattutto di infezioni urinarie (35-40% del totale), della ferita chirurgica, polmoniti e sepsi. Di queste, si stima che circa il 30% siano potenzialmente prevenibili (135-210.000) e che siano direttamente causa del decesso nell’1% dei casi (1.350-2.100 decessi prevenibili in un anno).

Oggi si stima che il 16% delle infezioni nosocomiali sia causata da batteri ‘resistenti’ e l’Italia è tra i Paesi europei con percentuali di resistenza più elevate, terza dopo Grecia e Turchia; il fenomeno è andato aumentando, passando dal 16-17% nel 2005 al 33-34% in circa 10 anni.

Per queste ragioni la sfida alle ICA, la lotta alla sepsi e la spinta all’uso responsabile di antibiotici richiedono una visione di ampio respiro e un approccio coerente e integrato a livello della singola struttura e di tutto il sistema socio sanitario. E’ necessario superare ogni frammentazione negli interventi finalizzati alla gestione delle infezioni e al contrasto alle resistenze antimicrobiche ricorrendo ad un approccio innovativo integrato multidisciplinare.

Il programma di contrasto della Regione Toscana

La Regione Toscana, avvalendosi delle indicazioni più recenti a livello internazionale, ha varato un programma di contrasto alle infezioni e alle antimicrobico resistenze fortemente innovativo, che prevede un sistema unitario che ricomprende tre aree tra di loro fortemente interconnesse (antimicrobial, infection prevention e diagnostic stewardship), che richiede la cooperazione dei diversi professionisti coinvolti nella cura e nell’assistenza del paziente in un unico network (AID). Con questo modello viene data piena risposta al Piano nazionale di contrasto alle antimicorbico resistenze.

  • In ogni Azienda Sanitaria dovrà essere costituita una Unit (Team AID) aziendale multidisciplinare ed interprofessionale, composta da un nucleo ristretto di professionisti altamente qualificati ed esperti nelle seguenti aree: igiene ospedaliera, gestione del rischio clinico, gestione delle infezioni, gestione della sepsi, uso antibiotici, diagnosi microbiologica.
  • Il team di esperti AID supporta i professionisti della rete aziendale AID sia a livello ospedaliero che territoriale. 
  • E’ inoltre previsto un Team AID in ciascun ospedale, e figure di riferimento sia in ambito medico che infermieristico o ostetrico per ciascuna Unità operativa/area di assistenza, sia a livello ospedaliero che territoriale, che operano in rete con il Team AID.
  • Il Team AID e i referenti sono previsti anche negli ospedali privati accreditati. Anche nelle strutture di cure intermedie e di riabilitazione accreditate devono essere individuate figure di riferimento adeguatamente formate.

E’ previsto un piano formativo specifico regionale. Per sviluppare queste progettualità nel biennio 2019-20, la Regione ha stanziato 500.000.

 

Recommended For You

About the Author: Pisorno

30 Comments

  1. I for all time emailed this website post page to
    all my friends, since if like to read it afterward my contacts will too.

  2. Link exchange is nothing else except it is just placing
    the other person’s website link on your page at suitable
    place and other person will also do same in support of you.

  3. I simply couldn’t leave your site prior to suggesting that I extremely enjoyed the usual information a
    person supply in your visitors? Is going to be again regularly
    in order to inspect new posts

  4. Hello There. I found your blog using msn. This is a very well written article.
    I will be sure to bookmark it and return to read more of your useful info.
    Thanks for the post. I’ll definitely return.

  5. It is perfect time to make some plans for the future
    and it’s time to be happy. I’ve read this post and if I could I
    desire to suggest you few interesting things or suggestions.

    Perhaps you could write next articles referring to this article.
    I wish to read more things about it!

  6. Hello there! This post coսld not be wгitten mufh better!

    Looking through this post reminds me of myy previous roommate!
    He continually kept preaching about thіs. Ι will forwaard
    tһis pоst to him. Fairly ceгtain he’s going to һave a very good read.
    Tһank you for sharing!

  7. You’re ѕo cool! I dо not think I’ve read a single thing like thаt before.
    So good to find someone with a few genuine thouցhts onn
    this sսbјect matter. Really.. many thanks for
    starting this up. This web site iѕ something that is needed on the intеrnet, someone with some originality!

  8. Neat blog! Is your theme custom made or did you download it from somewhere?
    A theme like yours with a few simple tweeks would
    really make my blog jump out. Please let me know where you got your theme.
    Cheers

  9. Hey outstanding blog! Does running a blog similar to this require a large
    amount of work? I’ve absolutely no knowledge of coding
    but I had been hoping to start my own blog soon. Anyway, if you
    have any suggestions or techniques for new blog owners
    please share. I know this is off subject however I just had to ask.
    Thanks!

  10. I’m not sure exactly why but this blog is loading extremely slow for me.
    Is anyone else having this problem or is it a problem on my end?
    I’ll check back later and see if the problem still exists.

  11. Thanks for finally talking about > Aumento infezioni ospedaliere, in Toscana come nel resto d’Italia
    e in tutto il mondo – Pisorno < Loved it!

  12. Nice blog right here! Additionally your site a lot up very fast!
    What host are you the use of? Can I am getting your affiliate hyperlink to your host?

    I wish my site loaded up as quickly as yours lol

  13. Fastidious answer back in return of this issue with solid arguments and explaining all
    on the topic of that.

  14. I do not even know the way I finished up right here, however I believed this
    post used to be great. I don’t recognise who you are
    however certainly you are going to a famous blogger should you aren’t
    already. Cheers!

  15. May I simply say what a comfort to find somebody that really understands what
    they’re discussing on the net. You certainly know how to bring
    an issue to light and make it important. More people should read this and understand this side of the story.
    I was surprised you aren’t more popular because you most certainly
    have the gift.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.