09192018Headline:

​Report manifestazione Campo Darby 2 giugno. Un militante che vorrebbe vedere meno frammentata la sinistra  

3maggio 2018 da Maurizio Marchi www.medicinademocraticalivorno.it

Oltre 300 compagni, forza trainante i pisani (aih aih livornesi ….) con il camion e le casse, almeno 5 partiti comunisti (PCI di Rizzo, PC, PCL, Carc, Rete dei Comunisti), perfino una bandiera della (nuova?) FGCI, poi Tavolo per la pace, Lista del Popolo, Rete livornese contro la nuova normalità della guerra, “Move your money” che ho dovuto chiedere che cosa fosse (spostare il tuo denaro dalle banche delle armi a quelle delle spese sociali (?)), e finalmente, ultimo a parlare, un giovane che parlava per le vittime dell’uranio impoverito, civili e militari. Qualche anarchico qua e là. Diversi compagni di Medicina democratica, con i simboli della loro (altra) militanza: Rognoni,  Antonini, Muca, Caforio, Hoffman.  Bandiere della Palestina massacrata, attacchi continui (doverosi) a Israele e a Trump.

Senza soste e Pisorno, i giornali online di riferimento per il movimento a Livorno non hanno pubblicato l’avviso della  manifestazione prima (nonostante un mio sollecito) speriamo che pubblichino questo report informale. Ovviamente assenti grillini di ogni estrazione, che anzi oggi erano sull’altro palco, a Roma, con la Nato e gli altri poteri forti, prigionieri di Mattarello (non è un errore di battitura).

Una buona manifestazione, colorata e comunista, che dà bene la misura di che cosa sia l’opposizione oggi in questo paese disgraziato, ingannato dagli ultimi imbroglioni. Almeno 100 i celerini, tra quelli in divisa e quelli in borghese. Continui passaggi di aerei civili, prima sulla raffineria ad alto rischio, poi sulla base atomica ….

Prossimo appuntamento, importantissimo, il sabato 16 giugno a Livorno contro il porto della guerra, nucleare e trasportatore di armi italiane, con linea fissa mensile, in Arabia saudita. Che non si faccia tra campi deserti (solo papaveri rossi), ma in centro a Pisa o a Livorno, saremmo più visibili. Non me ne vogliate

N.d.r. Facciamo solo notare che, pisorno.it ne ha pubblicati due, uno da Pisa e uno da Livorno:

Cogliamo anche l’occasione per ricordare le difficoltà di gestire un sito indipendente fatto solo di volontariato e che, ad oggi, non gode di alcun finanziamento, pertanto allo stato attuale facciamo molta fatica ad accontentare le troppe richieste che intasano la posta. Oggettivamente alcune cose sfuggono e altre siamo materialmente impossibilitatati a postarle, inoltre stiamo aggiornando il sito e questo non ci aiuta. Pertanto alle critiche che ci giungono da più parti chiediamo il massimo di comprensione e collaborazione, in attesa di risolvere i molti limiti che ancora riscontriamo. Grazie

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)