10192017Headline:

A Collesalvetti dal “Comitato per il No al referendum costituzionale” a soggetto politico e unificante, di alternativa a sinistra

C’è un grande fermento alla sinistra del Partito Democratico di Renzi. Forti del voto del 4 dicembre scorso e dopo l’assemblea tenutasi a Roma, il “Comitato per il No” e il “Coordinamento Democrazia Costituzionale” di Collesalvetti, lanciano sul territorio, una sfida tutta a sinistra

3giugno 2017 dal Presidente Luca Chiappe, “Comitato per il No” – “Coordinamento Democrazia Costituzionale”, Collesalvetti

Pochi mesi fa, in questo Paese è avvenuto qualcosa di molto profondo

Tanti soggetti politici, associazionistici, costituzionalisti, e cittadini, mettendo da parte interessi particolari o di soggettività politica, partendo dai valori fondamentali che dal dopo guerra ci contraddistinguono, si sono uniti per fermare l’attacco alla nostra Costituzione. Temendo una possibile deriva autoritaria di chi, in modo ostinato, voleva modificare la Costituzione associandola poi ad una legge elettorale che anteponeva la logica della governabilità alla democrazia della rappresentatività, sono nati i Comitati per la difesa della Costituzione. Questi comitati hanno avuto la capacità di riunire attorno a se soggetti diversi, questo modo di operare ha comportato nel nostro Paese una inversione di tendenza e, contrariamente a quanto avvenuto sino alle ultime elezioni, il 4 dicembre 2016, gli italiani sono andati in massa a votare per dire NO allo stravolgimento della Costituzione. 

Un risultato che sinceramente in pochi si aspettavano, tanto meno il PD che, dopo essere stato clamorosamente sconfitto dal referendum si è affrettato a dire, cercando di sminuire: “non esiste un popolo del No” e ancora, “non esiste nessun progetto politico”.

Ebbene in parte avevano ragione, il popolo del No non esisteva e forse non esiste, ma tuttavia esiste e resiste un popolo stanco e deluso che se sollecitato su questioni importanti, come è avvenuto con il referendum costituzionale, ha dimostrato capacità di saper reagire. Da questo punto è possibile ripartire, se per troppi anni siamo stati costretti a giocare in difesa, oggi esistono le condizioni per avviare un progetto spendibile di alternativa politica in questo Paese. Prendendo spunto da quanto avviene a livello nazionale, il nostro Comitato si è trasformato da “Comitato per il No” a “Coordinamento Democrazia Costituzionale” ed è dal risultato esemplare ottenuto al referendum che vogliamo ripartire, per applicare una delle Costituzioni più belle del mondo e finora disattesa, ed in particolare vorremmo ripartire, come emerso anche dalla assemblea tenutasi a Roma , dall’articolo 3 della Costituzione che recita: 

“tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che limitando di fatto eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese”.

Ecco, questo deve essere il punto di partenza per costruire un concreto progetto politico di sinistra che parta dai valori e dai contenuti, con pratiche reali di partecipazione e condivisione popolare. Credo che i tempi siano maturi per uscire dalla logica perdente, e spesso eterodeteminata, del cartellone elettorale, dove soggetti minoritari ritrovano l’unità principalmente contro qualcuno, o soltanto a contrasto di qualche regressione sociale e/o di diritti ma, pronti a riaprire lo scontro politico interno appena si riaccendono particolari interessi o attriti tra gruppi dirigenti. 

Facendo tesoro degli errori del passato, ritengo che occorra ripensare ad un modo realmente partecipato sulla rappresentanza sociale e che, dalla protesta passi alla proposta politica. Un passaggio probabilmente difficile ma assolutamente necessario e non rinviabile, come stanno a testimoniare la vivacità delle molte attività locali e liste civiche di sinistra che si stanno affacciando, con successo, sul protagonismo politico.  Sarebbe anche sbagliato chiedere lo scioglimento delle diverse soggettività politiche, contrariamente dovremo considerare come valori fondanti le diverse storie e i diversi percorsi che oggi vogliono essere tra gli attori principali di un progetto che riapra la partita dei diritti e della dignità delle persone, a partire da: lavoro, abitare sociale, sanità, città vivibili, in contrasto ad una classe politica affaristica, corrotta, di potere e subalterna ai Comitati d’Affari, alle Banche e alle Multinazionali. 

Questo Comitato si propone, quindi, come soggetto aggregante per non disperdere e rilanciare il risultato e le aspettative del 4 dicembre, per far sì che la Costituzione venga finalmente applicata. L’invito, mettendosi a disposizione, è quello di un confronto aperto anche sul nostro territorio, che sia capace di dare progetto e gambe all’alternativa di un futuro Governo e, non solo del nostro Comune. 

Il Presidente luca Chiappe

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)