Chiusura Delphi e Trw, ferita ancora aperta per la città di Livorno: “Area trasformata in discarica a cielo aperto”

Aree fantasma di via Enriques, Zannotti:

“inconcepibile questo stallo. Serve una scossa: la città ha fame di lavoro”

31ottobre 2018 da Fabrizio Zannotti, Cgil Livorno

La chiusura di Delphi e Trw è una ferita ancora aperta per tutta la città. Da tempo la Cgil chiede a gran voce di dare una nuova vita industriale a quelle aree. Vedere ridotta via Enriques a una sorta di discarica a cielo aperto fa male. Livorno, città stremata dalla crisi, non può permettersi di fare a meno dei posti di lavoro persi a seguito della chiusura delle due aziende di componentistica auto.

Quell’area fantasma dev’essere reindustrializzata per diventare nuovamente fonte di occupazione e sviluppo.

“Siamo ben consapevoli che si tratta di aree private e che in ballo c’è un compito non semplice. La questione deve tornare al centro dell’agenda politica cittadina. Non possiamo permetterci questo stallo. La Cgil provincia di Livorno si è sempre battuta per chiedere alle istituzioni e alla politica un cambio di marcia per favorire l’arrivo di nuovi imprenditori interessati a investire nell’area. Da troppi anni ormai si sente parlare da più parti di marketing territoriale e di un generale impegno per l’attrazione di nuove aziende. Promesse, proclami, buone intenzioni. A che punto siamo? Cos’è stato fatto? A distanza di tanti anni dalla chiusura di quelle due storiche fabbriche sarebbe giunto il momento di portare a casa qualche piccolo risultato. O almeno vedere che qualcosa si sta lentamente muovendo. Sulla questione sembra invece esser calato il silenzio assoluto.”

“La sensazione è che non ci sia davvero la volontà di impegnarsi concretamente per facilitare l’arrivo di nuove realtà industriali. La città ha “fame” di lavoro. Il turismo e i servizi, da soli, non possono di certo dar risposta a questo bisogno: bisogna portare sul territorio nuove industrie. Serve nuova occupazione altrimenti Livorno muore. C’è bisogno di una scossa: i livornesi disoccupati non possono più aspettare, adesso esigono risposte. La Cgil livornese si mette a disposizione delle istituzioni ed è pronta, come sempre, a fare la propria parte. Non si può però perdere altro tempo.”

https://www.facebook.com/cgil.livorno/videos/486686695156207/

Recommended For You

About the Author: Pisorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.