Chiusura Delphi e Trw, ferita ancora aperta per la città di Livorno: “Area trasformata in discarica a cielo aperto”

Aree fantasma di via Enriques, Zannotti:

“inconcepibile questo stallo. Serve una scossa: la città ha fame di lavoro”

31ottobre 2018 da Fabrizio Zannotti, Cgil Livorno

La chiusura di Delphi e Trw è una ferita ancora aperta per tutta la città. Da tempo la Cgil chiede a gran voce di dare una nuova vita industriale a quelle aree. Vedere ridotta via Enriques a una sorta di discarica a cielo aperto fa male. Livorno, città stremata dalla crisi, non può permettersi di fare a meno dei posti di lavoro persi a seguito della chiusura delle due aziende di componentistica auto.

Quell’area fantasma dev’essere reindustrializzata per diventare nuovamente fonte di occupazione e sviluppo.

“Siamo ben consapevoli che si tratta di aree private e che in ballo c’è un compito non semplice. La questione deve tornare al centro dell’agenda politica cittadina. Non possiamo permetterci questo stallo. La Cgil provincia di Livorno si è sempre battuta per chiedere alle istituzioni e alla politica un cambio di marcia per favorire l’arrivo di nuovi imprenditori interessati a investire nell’area. Da troppi anni ormai si sente parlare da più parti di marketing territoriale e di un generale impegno per l’attrazione di nuove aziende. Promesse, proclami, buone intenzioni. A che punto siamo? Cos’è stato fatto? A distanza di tanti anni dalla chiusura di quelle due storiche fabbriche sarebbe giunto il momento di portare a casa qualche piccolo risultato. O almeno vedere che qualcosa si sta lentamente muovendo. Sulla questione sembra invece esser calato il silenzio assoluto.”

“La sensazione è che non ci sia davvero la volontà di impegnarsi concretamente per facilitare l’arrivo di nuove realtà industriali. La città ha “fame” di lavoro. Il turismo e i servizi, da soli, non possono di certo dar risposta a questo bisogno: bisogna portare sul territorio nuove industrie. Serve nuova occupazione altrimenti Livorno muore. C’è bisogno di una scossa: i livornesi disoccupati non possono più aspettare, adesso esigono risposte. La Cgil livornese si mette a disposizione delle istituzioni ed è pronta, come sempre, a fare la propria parte. Non si può però perdere altro tempo.”

https://www.facebook.com/cgil.livorno/videos/486686695156207/

Recommended For You

About the Author: Pisorno

31 Comments

  1. Hi, I do think this is a great blog. I stumbledupon it 😉 I may
    come back yet again since I book marked it.

    Money and freedom is the greatest way to change, may you
    be rich and continue to guide others.

  2. Very nice post. I simply stumbled upon your weblog
    and wished to mention that I have really enjoyed surfing
    around your weblog posts. In any case I will be subscribing on your rss feed and I am hoping you
    write once more soon!

  3. This is the perfect blog for anyone who hopes to understand this topic.

    You know a whole lot its almost hard to argue with you (not that I really will need to…HaHa).
    You definitely put a fresh spin on a topic that has
    been discussed for a long time. Excellent stuff, just great!

  4. Hey there! This post couldn’t be written any better! Reading this post
    reminds me of my previous room mate! He always kept talking about
    this. I will forward this article to him. Fairly certain he will have a good read.
    Thanks for sharing!

  5. Very nice post. I just stumbled upon your weblog and wished to say
    that I’ve truly enjoyed surfing around your blog posts.
    After all I will be subscribing to your rss feed and
    I hope you write again very soon!

  6. Hi, i think that i saw you visited my weblog so i came to “return the
    favor”.I’m attempting to find things to improve my web site!I suppose its
    ok to use a few of your ideas!!

  7. After checking out a handful of the blog posts on your website, I seriously like
    your way of writing a blog. I added it to my bookmark website list
    and will be checking back in the near future. Please check out my web site as well
    and let me know what you think.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.