05222018Headline:

Corso su ‘Città e Cambiamenti climatici’. Prima lezione venerdì 11 maggio al Cisternino Livorno

Relazione del prof. Francesco Musco (IUAV) su strumenti e tecniche per un’urbanistica della resilienza nei contesti costieri. Diretta streaming su video.comune.livorno.it/site/index.php

9maggio 2018 da comune di  Livorno

Entra nel vivo, con la prima lezione prevista per venerdì 11 maggio alle ore 15.15 al Cisternino di Città (ingresso da largo del Cisternino 13), il corso di formazione “Cambiamenti climatici e progetti di Resilienza urbana”, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e dal Comune di Livorno, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti.

Il corso, organizzato nella forma del laboratorio urbano, intende approfondire le questioni legate all’incidenza del cambiamento climatico sulle modalità e sugli strumenti di progettazione e pianificazione delle città e del territorio. Come può rispondere il governo del territorio alle sfide poste dal cambiamento climatico? E’ possibile, e in che modo, prevenire e gestire attraverso la pianificazione urbanistica fenomeni come le frane, gli allagamenti, le tracimazioni, dando un contributo concreto in termini di sicurezza delle popolazioni?

Non è ovviamente un caso che l’iniziativa si svolga a Livorno, città drammaticamente colpita, nel settembre scorso, da un’alluvione, e che il Comune la organizzi. Dopo il seminario introduttivo del corso, tenutosi giovedì 3 maggio, la prima lezione di venerdì 11 maggio (ore 15.15) sarà tenuta dal prof. Francesco Musco dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV), con una relazione dal titolo “Città a prova di clima: strumenti e tecniche per un’urbanistica della resilienza nei contesti costieri”.

I processi di pianificazione mirati all’adattamento hanno portato negli ultimi anni, a livello internazionale, a numerose sperimentazioni nelle città e nei territori. Il modulo presenterà esperienze e casi studio introducendo il tema della valutazione di vulnerabilità climatica dei sistemi urbani, dell’integrazione delle misure e di abachi di adattamento, all’interno degli strumenti di pianificazione strategici e regolativi, non tralasciando la pianificazione di settore (piani delle acque, dell’emergenza, ecc.).

A seguire, si terrà un workshop operativo sull’adattamento climatico, durante il quale sarà proposto un esercizio applicativo sul caso-studio di Livorno, a partire dagli strumenti in vigore a livello locale. Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta streaming (o guardarlo successivamente, dall’archivio eventi) all’indirizzo: video.comune.livorno.it/site/index.php. I successivi appuntamenti del corso sono previsti per:

  • giovedì 17 e mercoledì 23 maggio, e vedranno alternarsi esperti dell’INU nei diversi campi riguardanti la gestione dei cambiamenti climatici, la sostenibilità, la prevenzione dal rischio idrogeologico: Andrea Arcidiacono del Politecnico di Milano sulla gestione del suolo (17 maggio), Simona Tondelli dell’Università di Bologna sulla Valutazione ambientale strategica (17 maggio), Carlo Gasparrini dell’Università di Napoli sulle infrastrutture blu e venerdi (23 maggio) Fran,cesco Alberti dell’Università di Firenze sulle diverse applicazioni della resilienza (23 maggio).
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)