11192017Headline:

Dodici Comuni toscani, chiamati a decidere su quattro fusioni: al referendum due Sì e due No

Si è conclusa così la tornata elettorale che ieri e oggi ha visto al voto gli abitanti di dodici Comuni della Toscana chiamati a pronunciarsi sulla proposta di accorpamento tra territori.

30 ottobre 2017 da Tiziano Carradori, Firenze

I due no si sono registrati nel Casentino, dove si sono rivelati decisivi i no di Chitignano e di Chiusi della Verna, anche se a Bibbiena, Ortignano Reggiolo e Castel Focognano hanno prevalso i sì. Stesso esito per la proposta di fusione fra tre Comuni della Garfagnana: il no che ha prevalso a Fosciandora ha reso negativo il risultato finale, nonostante i sì abbiano prevalso a Pieve Fosciana e San Romano in Garfagnana e il sì abbia prevalso in totale con il 52,15% contro il 47,85% del no. 

Hanno invece detto sì in modo inequivocabile alla fusione i due Comuni elbani. Il sì ha prevalso infatti sia a Rio Marina che a Rio nell’Elba con un totale di 60,06% contro i no che si sono fermati al 39,94%. Stesso esito anche a Laterina e Pergine Valdarno in provincia di Arezzo, che hanno detto sì alla fusione con il 53,73% contro i contrari che si sono fermati al 46,26%.

Una volta acquisiti i risultati definitivi delle votazioni spetterà al Consiglio regionale della Toscana decidere in merito agli accorpamenti tra i Comuni che sono andati alle urne. E’ la ventiseiesima volta che i toscani si pronunciano su proposte di accorpamento. La prima è stata nel 2012 e anche in quell’occasione riguardò l’accorpamento (respinto dal voto) dei comuni del Casentino. L’ultima è stata nel maggio scorso ed ha invece visto prevalere il sì all’accorpamento tra Subbiano e Capolona. Con quelli che si sono conclusi oggi i toscani si sono pronunciati 14 volte per il sì e 12 volte per il no agli accorpamenti proposti.

“Si tratta di un risultato – sottolinea l’assessore regionale ai rapporti con gli enti locali, Vittorio  Bugli- che ha messo in evidenza una buonissima partecipazione dei cittadini, che ha avuto i suoi picchi a Pergine e a Ortignano dove ha votato circa il 60% degli aventi diritto, ma che ha fatto registrare anche altri risultati significativi. In media ha votato il 42% degli aventi diritto, che rappresenta una percentuale superiore al dato dei votanti dei precedenti referendum di questo tipo che si sono tenuti in Toscana. E’ il segno che quando si fa leva su temi di interesse comune, i cittadini rispondono facendo sentire la propria voce e partecipando alle scelte di rilievo per la vita delle comunità locali”.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)