Emergenza abitativa a Livorno: “serve solidarietà, chiunque abbia una tenda da portare lo faccia subito”. Video

Diteci voi cosa dobbiamo fare?

Image and video hosting by TinyPicQuesta mattina 5 famiglie sotto sfratto, sostenute dal comitato diritto alla casa e dal sindacato Asia-Usb, hanno deciso di presidiare la piazza del comune

20settembre 2016 da Famiglie sotto sfratto sostenute dal Comitato Diritto alla Casa e del sindacato inquilini Asia-Usb, Livorno (foto e  video di Giacomo Bazzi)

Image and video hosting by TinyPic

Non si è fatto attendere l’intervento pronto ed energico delle Forze dell’Ordine, con il sequestro delle tende, in cui le famiglie avrebbero dormito stanotte. Il comunicato della protesta:

“serve solidarietà e presenza, chiunque abbia una tenda da portare in piazza lo faccia subito” è l’appello dei manifestanti e del sindacato.

“Da alcune settimane si e scatenata nella  città di Livorno, la solita campagna politica e mediatica contro le occupazioni abitative e gli inquilini delle case popolari. Ma, nelle prossime settimane saranno  ancora altre decine le famiglie italiane e straniere che andranno per la strada, anche a causa della perdita del posto di lavoro…. E allora, che fare?”

“La verità è che a Livorno ci sono 4.200 alloggi vuoti e nessuno ha mai avuto il coraggio di aggredire in maniera strutturale questa enorme rendita immobiliare inutilizzata.
Quanto tempo richiederà lo sfrattare 1.200morosi dagli alloggi popolari? Ed è pensabile poterlo fare? Inoltre siamo sicuri che tra questi 1200 morosi non vi siano anche centinaia di famiglie in vera difficoltà economica, sociale e/o sanitaria?

“La casa popolare non può essere considerata come un privilegio per pochi. Serve ricordare, a tutti i vari soggetti che invocano quotidianamente la legalità, che nelle occupazioni abitative vivono, ad oggi circa 450 persone tra cui un centinaio di minori.
Solo grazie a questa occupazioni si è reso possibile evitare una tragedia sociale per la città, a fronte del fatto che nessuno ha mosso un dito”.

“Pensate di sgomberarci? Bene, allora preparatevi a dare a tutte le famiglie,  alloggi di fortuna”.

“Non sarete voi a decidere i requisiti per chi avrà diritto oppure no ad una sistemazione, magari sulla base delle compatibilità dei (pochi) alloggi disponibili.
Chi ha un reddito (certo e dimostrato) sotto la soglia per partecipare ai vari bandi per l’emergenza abitativa va tutelato.
Va tutelato perché in un paese normale, in uno stato normale non ci si sarebbe mai trovati a dover “sfondare” una struttura per garantire un tetto ai propri figli e/o anziani”

“Nessuno dovrà rimanere indietro. Su questo e bene essere chiari”.

“Oggi siamo qui in piazza in presidio per chiedere un aiuto da parte delle istituzioni. Le famiglie che sono qui hanno ottenuto il riconoscimento della morosità incolpevole e per legge andrebbero tutelate. Se le istituzioni (e i vari legalitari) non sono in grado di trovarle faremo da soli. Ma non vi azzardate a condannarci.

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Recommended For You

About the Author: Pisorno

Comments are closed.