12162017Headline:

Fondazione Cerratelli e finanziamenti comunali non in chiaro a San Giuliano Terme (Pi), negli anni 2008-2013

Ci sono sempre nuovi sviluppi sui conti sballatissimi della Fondazione Cerratelli

26febbraio 2017 di Enrico Bulleri, San Giuliano Terme

Il consigliere comunale Mannocci è stato nominato Presidente della Commissione speciale d’indagine, che ha il compito di revisionare spese e motivazioni sui canoni d’affitto, tra cui i 360.000euro arretrati da pagare che il Comune ha elargito alla Fondazione Cerratelli negli anni 2008-2013. 

Il dossier è finito nelle mani del segretario comunale Stefano Bertocchi e, adesso Mannocci guiderà l’indagine del Consiglio per capire i perché e l’utilizzo dei finanziamenti concessi alla Fondazione Cerratelli, negli anni della precedente giunta comunale.

La Fondazione Cerratelli, nata nel 2005 e ubiquamente sita nel Comune di San Giuliano, prima presso gli ex locali della concessionaria FIAT Etruria (istituita per volere dell’Università di Pisa), si occupa della conservazione e catalogazione di importanti e costosi costumi teatrali/cinematografici, oltre all’organizzazione di master sull’arte della sartoria storica. All’origine dell’inchiesta, è stato proprio il consigliere Giacomo Mannocci (di “Noi Adesso Pisa-Fratelli d’Italia”) che per primo ha fatto notare che non sono mai stati pubblicati (deficit di trasparenza) sul sito dell’istituzione del Comune di San Giuliano le cifre relative ai bilanci dell’Ente.

«Nella riunione della commissione verifica e controllo di martedì 7 febbraio abbiamo affrontato la spinosa vicenda dei titoli di studio rilasciati dalla Fondazione, spiega Mannocci. Proporrò al consiglio comunale l’istituzione di una commissione speciale d’indagine, simile a quella che fu istituita sulla frana di Ripafratta, affinché si faccia luce su questioni poco chiare, per esempio i rapporti tra Geste e la Fondazione, e non solo. Andrebbero chiariti le destinazioni delle somme spese da Geste».

In base ai risultati delle richieste avanzate, sono stati effettivamente accertati alcuni finanziamenti dati alla Cerratelli, da parte di società municipalizzate del Comune

“Nel 2008 Geste ha effettuato bonifici per 86.750euro per dotare la Fondazione della liquidità necessaria a pagare gli affitti della sede. Questa somma è stata poi svalutata. Chi l’ha deciso? Chi avrebbe dovuto effettuare i controlli e non l’ha fatto? Come sono stati spesi questi soldi pubblici? Vorrei chiarire questi punti e approfondire la vicenda”. E coninua Mannocci “Per dovere di cronaca si deve sottolineare che proprio con la giunta Di Maio, sono cessati i finanziamenti del Comune alla Fondazione. Mentre per quanto riguarda gli anni dal 2008 al 2013,  dal Palazzo Niccolini del Comune «Sono stati stanziati 360.000 euro – viene aggiunto da Mannocci -. Possibile che il Comune non abbia vigilato su come siano stati spesi?”.

Pertanto, dopo la mozione dei Capigruppo e promossa anche dal M5S, il 23 febbraio è stata decisa la costituzione di una speciale Commissione d’indagine, in questo caso sia la maggioranza che l’opposizione, si sono trovate d’accordo per accertare mancanze e, nel caso, le dovute responsabilità.

“Stiamo chiedendo gli atti, a partire dalla nascita della Fondazione. La questione è complessa, ci sono degli aspetti che non ci tornano, Tutti siamo concordi nel voler accertare i fatti.  Ha precisato il segretario del PD, Cecchelli.

“Siamo in attesa dei dovuti accertamenti. La mia unica responsabilità, se c’è, è quella di non aver messo gli occhi sulla Fondazione Cerratelli e non aver nominato nessuno nel Consiglio di Amministrazione. Ma è bene precisare che l’attuale Giunta non ha versato un centesimo alla fondazione.” Tiene a sottolineare il Sindaco Di Maio.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +6 (from 6 votes)