Il fiato di Trump sul collo del Venezuela

Una prima assoluta, ieri (24 gennaio), nella storia del Venezuela: Donald Trump ha designato il nuovo “presidente” della nazione.

24gennaio 2019 di Geraldina Colotti

Al posto di Nicolas Maduro, eletto con oltre 6 milioni di voti il 20 maggio, nelle intenzioni dell’imperialismo dovrebbe stare un tale Juan Guaidó, che ieri ha “prestato giuramento” davanti a un gruppo di suoi seguaci. Un trentacinquenne di cui si conoscono più le terga che le posizioni politiche, essendo passato alla “storia” per aver mostrato il deretano alle forze armate durante le proteste con bombe escrementizie (“puputov”) organizzate dalle destre nel 2017.

Militante del partito di estrema destra Voluntad Popular, Guaidó è stato eletto presidente dell’Assemblea Nazionale (AN), uno dei cinque poteri di cui si compone l’istituito venezuelano. Un sistema tenuto in equilibrio dal Tribunal Supremo de Justicia (TSJ), istanza deputata a che nessuno dei cinque possa prevalere. Un punto importante, questo, per capire l’origine della destabilizzazione politica ora giunta all’acme nel paese. Occorre ricordare che le destre hanno vinto le parlamentari a dicembre del 2015, dopo aver messo alla corda l’economia con il sabotaggio e il mercato nero di merci e divise.

Volendo far man bassa in poco tempo, pressati dai loro padroni esterni che esigevano di riscuotere subito, le destre hanno voluto strafare, avallando l’elezione fraudolenta di tre deputati, che avrebbero consentito loro la maggioranza assoluta. Le elezioni per quei tre collegi avrebbero dovuto ripetersi, ma l’opposizione ha deciso di ignorare l’ingiunzione del TSJ, che ha per questo dichiarato l’Assemblea Nazionale “in ribellione”.

Da lì uno scontro di poteri che ha evidenziato subito la vera portata del conflitto: cancellare la costituzione bolivariana che impedisce sia di privatizzare le immense risorse del paese che di cedere la sovranità nazionale. Si è però levato subito un coro di “democratici” pronti a capovolgere i termini di quello scontro per far credere ai poco informati lettori europei che l’unico sistema legittimo fosse quello conosciuto da noi: una democrazia parlamentare basata sui tre poteri canonici, legislativo, esecutivo e giudiziario. Che quella vigente in Venezuela fosse una democrazia partecipativa, basata invece su cinque poteri, non è stato considerato. La legalità stava perciò tutta dall’altra parte. L’obiettivo era quello di tornare al sistema della IV Repubblica, nato da quel patto di Punto Fijo che ha istituito l’alternanza tra centro-destra e centro-sinistra con l’esclusione dei comunisti. Un sistema che, lo hanno ricordato le piazze chaviste ieri, ha presentato i tratti delle “democrazie camuffate”: le democrazie borghesi modello FMI, che hanno mostrato il loro vero volto torturando e reprimendo sia l’opposizione di piazza che quella armata.

In Venezuela, gli Stati Uniti hanno tentato di riportare indietro l’orologio della storia dando mezzi alle oligarchie locali per organizzare il golpe contro Chavez nel 2002. Non gli è andata bene perché il popolo ha rimesso a posto le cose e il dittatore (Carmona Estanga, capo della Confindustria locale, FEDECAMARA), è durato poco.

Le garanzie costituzionali sono state ripristinate con il ritorno in carica del presidente legittimo, Hugo Chavez. Ora ci riprovano apertamente con Nicolas Maduro cercando di mettere in scena un golpe di nuovo tipo, sul modello delle guerre di IV e di V generazione. Cercano di avallare un “governo di transizione” come quello che ha portato alla distruzione della Libia e che avrebbe voluto spazzar via la Siria. Una simulazione cresciuta nei mesi con la creazione di istituzioni artificiali come il Gruppo di Lima o di colpi di mano per piegare ai voleri di Washington le alleanze continentali. In nome di quale “democrazia” si può imporre un presidente dall’esterno?

Eppure, sia Trump che il Segretario Generale dell’OSA Luis Almagro, che i paesi dove più si calpestano i diritti umani, stanno imponendo un golpe proprio in nome della “democrazia”. “In quale centro elettorale ha votato Trump per Guaidó?”, si chiede l’opinionista satirica Carola Chavez.

La “democrazia” che vorrebbe Trump e i suoi accoliti è quella in cui vincono sempre gli stessi, mentre a pagare – come dimostrano i dati della “crescita” nei paesi capitalisti – sono sempre i settori popolari. “Siamo maggioranza”, gridano le destre, anche se ai “cabildos abiertos” organizzati da Guaidó non c’erano quelle moltitudini che raccontano i media internazionali. Ma se sono maggioranza perché non hanno più voluto partecipare alle elezioni? Perché, come è apparso evidente ieri, i loro referenti principali non si trovano nel paese, ma a Washington e nelle grandi istituzioni internazionali. Dal vertice di Davos, infatti, ha dato il suo appoggio a Guaidó il presidente (nazista) del Brasile Jair Bolsonaro: il quale già si vede entrare trionfante in Venezuela alla testa di una “forza multinazionale” in un Paese smembrato da spartire.

Il punto, infatti, è questo: seminare il caos per fare man bassa delle risorse, guadagnando dalle guerre e dalla ricostruzione.

Secondo quanto ha dichiarato l’analista politico francese Thierry Meyssan alla giornalista Erika Sanoya, nei piani geopolitici dei falchi del Pentagono c’è l’idea di creare nel mondo un asse tra un inferno di guerra e devastazione e uno mantenuto al riparo. Le analisi di Meyssan sono senz’altro spostate verso le teorie del complotto, ma non si può negare che, sulle questioni geopolitiche, sia bene informato. Infatti, nell’intervista a Rt ha offerto una testimonianza diretta su una sua visita in Libia, poco prima dell’uccisione di Gheddafi. Ha affermato che, mentre veniva trasportato su una piccola imbarcazione d’emergenza messa a disposizione dall’Onu, ha sentito alcuni 007 italiani raccontare come avessero “costruito” uno degli ultimi episodi per scatenare l’intervento armato in Libia, sparando sia sui sostenitori di Gheddafi che sugli oppositori.

Uno scenario – ha detto – che gli Usa ripetono in tutte quelle parti del mondo in cui intendono scatenare il caos. Per questo, i gruppi di opposizione vengono cambiati senza problemi: in Siria – ha aggiunto – ne hanno già cambiati diversi. Non importa il colore delle bandiere per raggiungere il proprio scopo.

Il chavismo è sceso in piazza, ieri, con determinazione e compostezza, pronto a difendere le conquiste sociali e la propria indipendenza: “Come possiamo accettare tanta insolenza nella patria di Bolivar e di Zamora”?, ha detto Maduro annunciando la rottura delle relazioni con gli Stati Uniti. Una folla di bandiere rosse si accamperà da oggi in poi a Miraflores, per proteggere il palazzo presidenziale.

Intanto, arrivano i pronunciamenti internazionali. Se il papa Bergoglio ha inviato un emissario all’assunzione di incarico di Maduro, la Conferenza episcopale venezuelana sta con i golpisti. Il solito cardinal Porras ha dato il permesso ai sacerdoti di partecipare alle marce di opposizione. L’Ecuador di Lenin Moreno ha definitivamente scelto il suo campo, riconoscendo il “presidente” fittizio insieme ai paesi neoliberisti.

I movimenti si mobilitano.

La Rete Europea in difesa della Rivoluzione Bolivariana, composta da oltre 80 organizzazioni, ha respinto con decisione il colpo di Stato degli Usa e chiesto all’Europa di rispettare il voto popolare dei venezuelani.

  • Dalla Francia, Jean-Luc Melenchon ha denunciato il colpo di stato.
  • Anche lo spagnolo Paolo Iglesias ha fatto notare che agli Usa “non interessa la democrazia, ma il petrolio del Venezuela”. 
  • In Italia, invece, il deputato 5 Stelle Pino Cabras, durante una discussione in commissione Affari esteri alla Camera, è stato pesantemente attaccato sia da destra che da sinistra, anche dalla “sinistra” del PD: per aver fatto notare che, ad assistere all’assunzione d’incarico di Maduro c’erano 112 paesi, e che di certo non lo si poteva bollare come “dittatore comunista”. Contemporaneamente, lo SPI-CGIL di Treviso organizzava iniziative di sostegno alle destre venezuelane: in nome, ovviamente, della “democrazia”.

“Pensavamo di averne viste abbastanza, ma al peggio non c’è mai fine”, ha scritto Rifondazione Comunista in una nota di protesta.

Recommended For You

About the Author: Pisorno

93 Comments

  1. I like the valuable information you provide in your articles.
    I will bookmark your blog and check again here
    frequently. I am quite sure I will learn plenty of new stuff right here!
    Best of luck for the next!

  2. I’m curious to find out what blog platform you’re using?
    I’m having some minor security issues with my latest website and I’d
    like to find something more secure. Do you have any suggestions?

  3. I always used to study post in news papers but now as I am a user of
    net therefore from now I am using net for posts, thanks to web.

  4. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add to my
    blog that automatically tweet my newest twitter updates. I’ve been looking
    for a plug-in like this for quite some time and
    was hoping maybe you would have some experience with something like this.
    Please let me know if you run into anything. I truly enjoy
    reading your blog and I look forward to your new updates.

  5. I just like the helpful information you provide in your articles.
    I’ll bookmark your blog and test once more here regularly.
    I am reasonably certain I will be told a lot of new stuff right here!
    Best of luck for the next!

  6. A pesar de requerir cirugía, más del 90% de los pacientes que han recibido el implante de una prótesis están muy satisfechos.

  7. I have read a few excellent stuff here. Certainly price bookmarking for revisiting.
    I wonder how a lot effort you set to create one of these excellent informative site.

  8. I’m really enjoying the design and layout of your blog.It’s a very easy on the eyes which makes it much moreenjoyable for me to come here and visit more often. Did you hire out a developer to create your theme?Great work!

  9. Thanks for some other fantastic article. Where else may just anybody get that typeof information in such a perfect manner of writing? I’ve a presentation next week, andI am on the search for such info.

  10. I¡¦m not positive where you are getting your info, however great topic. I needs to spend a while learning more or understanding more. Thanks for excellent information I used to be on the lookout for this info for my mission.

  11. Hey there! I realize this is sort of off-topic but I had to ask.
    Does managing a well-established website such as yours take a massive amount work?
    I’m brand new to operating a blog however I do write in my diary every day.
    I’d like to start a blog so I can share my personal
    experience and thoughts online. Please let me
    know if you have any ideas or tips for brand new aspiring blog owners.
    Appreciate it!

  12. Great post but I was wanting to know if you could write a litte more on this subject? I’d be very thankful if you could elaborate a little bit further. Appreciate it!|

  13. excellent submit, very informative. I ponder why the other experts of this sector do not understand this. You must continue your writing. I am confident, you’ve a huge readers’ base already!|

  14. This is a really good tip particularly to those fresh tothe blogosphere. Simple but very precise info… Many thanks for sharing this one.A must read post!

  15. Good day I am so excited I found your weblog, I really found you by mistake, while I was browsing on Google for something else, Nonetheless I am here now and would just like to say thanks for a marvelous post and a all round entertaining blog (I also love the theme/design), I don’t have time to go through it all at the minute but I have saved it and also added in your RSS feeds, so when I have time I will be back to read more, Please do keep up the excellent work.|

  16. Thank you, I have recently been looking for information approximately this subject for a while and yours is the greatest I have found out till now. But, what concerning the bottom line? Are you certain concerning the supply?

  17. At this specific level, you can premiere as a article author. Now i’m so touched. I am just content to meet you. Say thanks to you.

  18. This design is spectacular! You obviously know how to keep a reader entertained. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost…HaHa!) Wonderful job. I really loved what you had to say, and more than that, how you presented it. Too cool!|

  19. First off I would like to say terrific blog! I had a quick question which I’d like to ask if you do not mind. I was interested to know how you center yourself and clear your mind before writing. I have had a tough time clearing my mind in getting my thoughts out there. I do enjoy writing but it just seems like the first 10 to 15 minutes are generally lost simply just trying to figure out how to begin. Any suggestions or tips? Thanks!|

  20. Hey there just wanted to give you a quick heads up and let you know afew of the pictures aren’t loading properly.I’m not sure why but I think its a linking issue.I’ve tried it in two different internet browsers and both show the same results.

  21. Very nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I have truly enjoyed surfing around your blog posts.In any case I’ll be subscribing to your rss feed and Ihope you write again very soon!

  22. It’s really a nice and helpful piece of information. I’m happy that you shared this useful information with us.Please keep us informed like this. Thank you for sharing.

  23. Heya i’m for the primary time here. I came across this board and I find It really helpful & it helped me out much. I hope to present one thing back and help others such as you aided me.

  24. Thanks for another wonderful post. The place else may just anyoneget that type of information in such a perfect way of writing?I have a presentation subsequent week, and I’m at the look for such information.

  25. What’s Going down i am new to this, I stumbledupon this I have discovered It positively helpful and it has helped me out loads.I’m hoping to contribute & help other users like its aided me.Good job.

  26. I do not even know the way I stopped up right here, however I thought this submit used to be great.I do not realize who you are but definitely you are going to a famous blogger ifyou happen to are not already. Cheers!

  27. Cami Halısı ve Cami Halıları Firmamız 1989’dan günümüze kadar kalite ve müşteri memnuniyetini esas alarak Cami, Yurt, Kur’an Kursu, Mescit Halısı ve duvardan duvara halı ile hizmet vermenin gururunu …

  28. I’ve been browsing online more than 2 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me. In my opinion, if all web owners and bloggers made good content as you did, the web will be much more useful than ever before.|

  29. Thanks for ones marvelous posting! I truly enjoyed reading it, you may be a great author.I will make sure to bookmark your blog and will come back at some point. I want to encourage that you continue your great work, have a nice weekend!

  30. Very nice post. I just stumbled upon your weblog and wanted to say that I have truly enjoyed browsing your blog posts. After all I’ll be subscribing to your rss feed and I hope you write again soon!|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.