06222017Headline:

Incatenarsi per non rassegnarsi. Report del 16 giugno

Il 16 giugno, in piazza Cappelletti, a Piombino, era prevista la conversazione con Alisa Tonarelli, autrice del saggio “Piombino il lento declino di una citta industriale  (sociologa del lavoro, Università di Firenze), rivista Meridiana, n.85.

16 giugno 2017 da asociazioni Coordinamento Art.1-Camping CIG e Restiamo Umani

Purtroppo, Tonarelli si è ammalata ed a introdurre l’incontro ci hanno pensato Paolo Gianardi di Restiamo umani e Sara Martellacci, laureata a pieni voti con una tesi sul secondo biennio rosso a Piombino: alcuni degli operai, delegati e militanti protagonisti delle mobilitazioni di fini anni settanta, intervistati nella tesi di Martellacci, erano presenti e sono intervenuti nella discussione. Ha preso la parola fra gli altri anche Riccardo Antonini, licenziato dalle ferrovie per avere aiutato i familiari delle vittime della strage di Viareggio del 2009 a cercare la verità; Antonini è il coordinatore regionale de Il sindacato è un’altra cosa-Opposizione in Cgil.

Il saggio analizza le vicende della città e delle “sue” acciaierie, con particolare riferimento agli anni più recenti e ai problemi della gestione Cevital-Aferpi, drammaticamente attuali. L’incontro pubblico è stato organizzato dalle associazioni Coordinamento Art. 1- Camping CIG e Restiamo Umani. Si inserisce nel programma del presidio di mobilitazione messo in atto appunto dal Coordinamento Art. 1- Camping CIG.

A seguire, applauditissimo concerto dei Sonatori della Boscaglia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)