06212018Headline:

La parola rimane, nel libro di Oscar Arnulfo Romero “Beato fra i poveri”

Image and video hosting by TinyPicOscar Arnulfo Romero

Beato fra i poveri

a cura di Geraldina Colotti, Edizioni Clichy, Firenze, 2015, 144 pagine, € 7,90

9agosto 2016 di Serena Campani

Una figura di grande rilievo, sia per i cattolici che per i non cattolici, per l’America Latina e non solo, è quella di Monsignor Romero, vescovo salvadoregno ucciso dagli squadroni della morte nel 1980 e beatificato il 23 Maggio 2015 per volere di Papa Francesco.

E proprio a questo grande personaggio è  dedicato questo volumetto monografico, uscito a Novembre 2015 per le edizioni Clichy di Firenze, nella collana Sorbonne, e curato da Geraldina Colotti, giornalista del Manifesto e scrittrice, che da anni segue da vicino la situazione dell’America Latina e i processi rivoluzionari in corso in quei luoghi.

L’opera è composta da varie parti, tutte ugualmente valide e interessanti. Si apre con una biografia che ripercorre i momenti salienti della vita di Romero, fino alla beatificazione, avvenuta a 35 anni dalla morte. Troviamo poi un bel saggio, di una quarantina di pagine, in cui la giornalista affronta le tematiche fondamentali legate a quella “figura complessa, fragile e visionaria” che è il vescovo salvadoregno, come il controverso rapporto con la Chiesa cattolica e la scelta di stare dalla parte dei poveri e di contrapporsi al governo di El Salvador.

Inizialmente Romero è conservatore, fino al momento dell’uccisione, nel marzo del 1977, di padre Rutilio Grande, noto sacerdote progressista dell’arcidiocesi e suo amico. Questo avvenimento segna uno spartiacque nella vita di Romero, che a quel punto si “converte” e questa scelta lo porterà alla morte. Verrà ucciso, infatti, il 24 marzo del 1980, proprio dopo aver pronunciato una durissima omelia contro la repressione nei confronti del popolo messa in atto dal governo. Struggente – fortemente attuale- è l’appello che il sacerdote lancia agli uomini dell’esercito: “non uccidere…Nessun soldato è tenuto ad ubbidire ad un ordine contrario alla legge di Dio…”

Vi è poi una sezione intitolata Parole e Immagini, in cui troviamo fotografie (in bianco e nero) di Romero in vari momenti significativi della sua vita, fino a quella, tristemente cruenta, dell’assassinio. E sempre in questa parte ecco le parole, stralci di lettere e di omelie, che diventano sempre più forti e potenti, fino ad arrivare all’intervista rilasciata al giornale <<Excelsior>>, nel marzo del 1980, poco prima di morire, dalla quale emerge la consapevolezza di avere un destino oramai segnato. Infine possiamo leggere cosa hanno detto di lui alcuni teologi, tra i quali il celebre gesuita, teologo della liberazione, Jon Sobrino, autore peraltro di una recentissima monografia sul vescovo cattolico: “Romero. Martire di Cristo e degli oppressi”.

Il lavoro si conclude con un’utile bibliografia, essenziale ma molto aggiornata. Sono riportati infatti solo titoli usciti a partire dagli anni 2.000, tra i quali molti pubblicati nel 2015. “Voce dei senza-voce”, “figura di resistenza”, “vescovo rosso”…tanti epiteti, tante definizioni per un  personaggio di una così alta levatura di cui oggi si sente la mancanza.

E cosa rimane di una vita dedicata alla difesa dei poveri, spesa nella lotta contro gli oppressori, immolata per difendere i diritti del popolo salvadoregno? La parola rimane. E voi potrete leggerla in questo piccolo ma grande libro.

Image and video hosting by TinyPicSempre dedicato a Romero, recentemente  è uscito anche un documentario di Gianni Beretta e Patrik Soergel intitolato Il Risarcimento – Mons. Romero, il suo popolo e Papa Francesco (produzione Rsi-Storie 2016), che ne ripercorre la vita, dall’ infanzia, attraverso l’evoluzione interiore, fino al giorno della sua morte.

N.b. Sabato 13 Agosto, alle ore 18.00, in occasione dell’evento “Buon Compleanno Fidel”, potrete incontrare Geraldina Colotti alla Festa Rossa di Perignano di Lari (Pisa), presso lo spazio S. Pertini. Geraldina dialogherà sul passato e sul presente dell’America Latina con Tiziana Barillà della rivista Left. Interverrà anche Roger Lopez Garcia dell’Ambasciata di Cuba in Italia.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +5 (from 5 votes)