Venerdì 10 novembre sciopero generale/nazionale dei Sindacati di Base, settore pubblico e privato

7novembre 2017 redazione

Le organizzazioni sindacali Cib-Unicobas, Cobas-Confederazione dei Comitati di Base, Unione Sindacale di Base hanno indetto per l’intera giornata di venerdì 10 novembre uno sciopero generale nazionale di tutte le categorie pubbliche e private (per il settore del trasporto ferroviario l’astensione dal lavoro è prevista dalle ore 21 di giovedì 9 novembre), manifestazioni nelle principali città.

  • Livorno ore 9:00 piazza Garibaldi

  • Pisa ore 9:00 al CNR occupato dai precari

Il giorno dello sciopero non sarà garantito il regolare funzionamento dei servizi comunali, salvo quelli minimi essenziali:

  • Stato civile: denunce nascita e morte;
  • Servizi cimiteriali: ricevimento salme;
  • Polizia Municipale: centrale operativa e pronto impiego.
  • Le famiglie che usufruiscono dei nidi e delle scuole d’infanzia comunali saranno informate, tramite locandine affisse presso ciascuna struttura scolastica, che il servizio non potrà essere garantito.

Uno sciopero generale contro le politiche economiche e sociali del Governo Italiano e dell’Unione Europea, e per un loro radicale cambiamento basato su:

  • Riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario.
  • Per lavorare tutti, lavorare meglio e in condizioni di salute e sicurezza.
  • L’innovazione tecnologica (industria 4.0) e l’innalzamento dell’età pensionabile riducono i posti di lavoro: c’è chi lavora troppe ore, con l’obbligo dello straordinario, mentre c’è chi ne lavora poco o niente.
  • Contro le privatizzazioni e per la nazionalizzazione delle aziende strategiche in crisi.
  • Per una vera politica industriale in Italia.
  • Aumenti salariali veri e per tutti.
  • Per il diritto a una vita dignitosa per tutti, senza ricorrere a straordinari ad oltranza.
  • Aumenti salariali veri e per tutti. Diminuzione dell’età pensionabile e aumento delle pensioni.

Alitalia, ILVA e tante altre grandi aziende dei servizi, come l’ATAC di Roma, sono commissariate e stanno per essere svendute al peggior offerente. La riforma della Pubblica Amministrazione impone la privatizzazione di migliaia di società partecipate, con decine di migliaia di esuberi futuri disoccupati. 

Recommended For You

About the Author: Pisorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.