12162017Headline:

Vertenza Aferpi, Piombino. Incontro al Mise, UGL: “occorre un progetto concreto, duraturo ed economicamente sostenibile

Stamani, 20 settembre, si è svolto al Ministero dello Sviluppo Economico un incontro relativo alla vertenza Aferpi del sito di Piombino.

20 settembre 2017 da Sabrina Nigro, UGL Piombino

Per il Ministero erano presenti il ministro Calenda il Viceministro Teresa Bellanova e il responsabile Dottor Castano. Erano inoltre presenti le Istituzioni Comunali e Regionali,  Il Commissario Piero Nardi e le OO. SS. Per la  UGLmet hanno partecipato all’incontro il Segretario Nazionale con delega impiegati e quadri Paolo Di Giovine e la Segreteria Provinciale con Sabrina Nigro e Nilo Pepi e la RSU Aferpi Claudio Lucchesi.

Il Ministro ha ribadito come termine ultimo il 31 ottobre per l’individuazione di uno o più potenziali Acquirenti o Partnership, nessun tempo supplementare sarà concesso a Cevital. Lo stesso Ministro ha comunicato che alla data attuale ci sarebbero diversi gruppi interessati al sito di Piombino.

“È stato un incontro interlocutorio, inutile cercare colpe o colpevoli non è iniziata la caccia alle streghe, quanto occorre occorre è un progetto concreto, duraturo ed economicamente sostenibile”, il commento del  Segretario Provinciale, Nigro Sabrina.

“Ci aspettiamo già dal prossimo incontro, previsto per metà ottobre, di avere un quadro più completo della situazione fermo restando il principio fondamentale della salvaguardia occupazionale di tutti i dipendenti”, il commento del segretario generale Antonio Spera.

Su questo punto UGLmet, ha anche ribadito che il solo progetto siderurgico non potrà riassorbire l’intero organico (2000 diretti e tutti gli altri dell’indotto) occorrerà individuare forme e/o normative nuove.
Tra l’altro come sostenuto dal Governatore Rossi, di agroindustria se ne riparlerà eventualmente a luglio 2018 e sembrerebbe che lo studio commissariato dalla Regione all’IRPET giudicherebbe il progetto non del tutto convincente.

UGLmet ha altresì evidenziato la necessità di continuare con le demolizioni degli impianti esistenti e fatiscenti che potrebbero creare pericolo per i lavoratori e cittadini. Le stesse demolizioni potrebbero essere opportunità lavorative. Anche Il Sindaco Giuliani, ha mostrato subito condivisione della problematica, dando disponibilità ad intervenire per la sicurezza della cittadinanza nonché dei lavoratori.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)