09212018Headline:

Abbandono rifiuti ai laghetti di Campo, individuato il colpevole. Differenziata all’83% ma, costo del sevizio in aumento

  • La buona notizia, è quella che la Polizia Municipale di San Giuliano ha individuato, in tempi record, il responsabile dell’abbandono di rifiuti ai laghetti di Campo.

  • L’altra, di cui si lamentano molti cittadini, attiene al fatto che a fronte degli ottimi livelli raggiunti nella raccolta differenziata (l’83%), il costo in bolletta bollette invece diminuire, continua ad aumentare.

8febbraio 2017 da Comune di San Giuliano Terme

L’amministrazione sangiulianese ha deciso di intervenire con forza contro gli abbandoni abusivi di rifiuti.

“In queste prime settimane del 2017 – spiega l’assessora Daniela Vanni – abbiamo avuto tre importanti episodi di abbandono, concentrati nelle frazioni di Asciano e Campo. Questi episodi rappresentano fortunatamente un eccezione nella nostra realtà, altrimenti virtuosa. Basti pensare che a fronte dei circa
 14.000.000 milioni di chilogrammi di rifiuti prodotti annualmente, di cui l’83 % differenziato, gli abbandoni rappresentano lo 0,3%. Questo non significa che non rappresentino un problema. L’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo non è soltanto un reato: è un atto di inciviltà che comporta un costo per tutta la comunità, sia economico che d’immagine. Per contenere e contrastare gli abbandoni, la Polizia Municipale interverrà, almeno nei casi più significativi, con indagini mirate”.

Un primo risultato è stato raggiunto: è stato infatti individuato il responsabile dell’abbandono di inerti e altri rifiuti nell’area dei laghetti di Campo.

Dopo un’ora e mezzo dalla segnalazione – prosegue la Vanni – la Polizia Municipale ha individuato il responsabile: si tratta di un cittadino italiano residente nel comune di Cascina. Sono in corso ulteriori accertamenti per capire se si configuri come un reato amministrativo o penale”.

Riguardo all’area dell’abbandono, l’assessora Vanni annuncia la prossima pubblicazione di un avviso esplorativo per la ricezione di manifestazioni di interesse finalizzate alla gestione e alla riqualificazione:

“In questi giorni il testo sarà presentato alla Giunta Comunale. L’obiettivo è quello di valorizzare un area dall’elevato valore naturalistico”.

Il tempestivo intervento da parte dei vigili dimostra che quando sussiste la volontà politica i risultati si raggiungono anche nel brevissimo termine.

Di Andrea Vento

I cittadini sangiulianesi auspicano una attivazione altrettanto rapida ed efficace da parte dell’amministrazione comunale per affrontare la questione dello spazzamento e degli escrementi dei cani nel centro storico del capoluogo che oltre a inibire spazi di fruizione sociale soprattutto alle attività ludiche dei bambini, rappresentano un poco onorevole biglietto da visita per una cittadina che ha aspirazioni di centro turistico termale.

Ugualmente per gli abbandoni dei rifiuti, i cittadini sangiulianesi che collaborano con responsabilità all’effettuazione della raccolta differenziata con risultati lusinghieri, mal tollerano che nelle fosse di raccolta delle acque si trovino rifiuti di ogni genere senza che fino ad oggi sia stata attivata una efficace strategia di prevenzione e di individuazione dei responsabili.
Tuttavia i cittadini del comune termale continuano a vedersi recapitare bollette relative al servizio di raccolta dei rifiuti da parte di Geofor che continuano ad aumentare, addirittura un incomprensibile +12% fra primo e secondo semestre 2016

Questo nonostante l’83% di raccolta differenziata e la responsabile collaborazione che attuano nell’adempiere a nuove mansioni, come l’ultima introdotta che dispone di separare il materiale multileggero (in pratica i vari tipi di plastica…) dal vetro e, di depositare quest’ultimo nelle apposite campane in quanto non più raccolto dal servizio porta a porta.

Oneri aggiuntivi che vanno a beneficio esclusivo del gestore il quale indirizza il materiale differenziato dai cittadini alla filiera di riciclo con indubbi ritorni economici.

L’amministrazione comunale dovrebbe ascoltare le richieste dei cittadini che da tempo chiedono che il loro comportamento virtuoso venga riconosciuto facendo pressione su Geofor affinché adotti una significativa riduzione degli importi delle bollette.
Altrimenti, come molti pensano, perché continuare ad applicarsi fedelmente nella raccolta differenziata senza avere benefici? Benefici che invece  fino ad oggi non sono mancati  alle casse di Geofor.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +5 (from 5 votes)