10172017Headline:

Collegio Docenti Liceo ‘Filippo Buonarroti’ Pisa: “Sconcerto per i continui episodi di provocazione, ispirati all’apologia di fascismo”

6ottobre 2017 Documento assunto all’unanimità dal Collegio Docenti del Liceo Scientifico “Filippo Buonarroti” di Pisa, riunito giovedì 5 ottobre

I sottoscritti docenti del Liceo “Filippo Buonarroti” deplorano i ripetuti atti di provocazione, i cui contenuti sono chiaramente ispirati all’apologia di fascismo, che da mesi si stanno ripetendo all’interno del Complesso Marchesi.

“Dopo l’affissione di manifesti inneggianti alla guerra e alla discriminazione dei profughi, con simbologia e contenuti di matrice neofascista, si è ora verificato un nuovo episodio a danno dei locali forniti dalla Provincia in cui si riunisce il Collettivo Studentesco “Buonarroti”. Nella stanza del Collettivo sono state infatti rinvenute sui muri scritte inneggianti al “Duce”. L’episodio è ancora più inquietante perché avvenuto all’interno della stanza chiusa a chiave, che prefigura anche un’azione di effrazione dolosa e provocatoria.

Come docenti e lavoratori del Liceo “F.Buonarroti”, esprimiamo la piena solidarietà  con gli studenti del Collettivo e stigmatizziamo simili episodi che sono in netto contrasto con l’impostazione pedagogico-didattica e l’approccio educativo, fondato sul dialogo ed il confronto, che è caratteristica peculiare della nostra scuola. L’accoglienza, la responsabilità  personale, l’accettazione del diverso, il dialogo educativo tra adulti e adolescenti contraddistinguono l’azione educativa che ogni giorno, nelle aule e nella relazione con gli studenti, ci sforziamo di mettere in pratica.

La nostra scuola si contraddistingue da sempre per un impegno nella difesa dei valori costituzionali, per progetti che hanno al centro la riflessione contro le discriminazioni razziali, per la collaborazione con le istituzioni democratiche e con le associazioni antifasciste presenti sul territorio.

Non è peraltro un caso che sia stata affissa nel cortile della scuola una targa in memoria di Giorgio Vecchiani, storico Presidente dell’ANPI di Pisa scomparso due anni fa, fortemente voluta dalla Preside Chiapparelli venuta a mancare questa estate, per attestare la sensibilità  della scuola rispetto a questi temi.

Esprimiamo dunque il nostro sconcerto per il ripetersi di simili episodi e provocazioni, che contribuiscono a rendere l’atmosfera non serena in un ambiente cruciale per la formazione dei cittadini, con il richiamo a momenti passati e incondivisibili della storia del nostro paese, la cui rievocazione non deve essere tollerata neppure nella forma della ‘bravata’.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)