10162018Headline:

Licenziamenti Ericsson: Genova e Pisa mobilitazione tutela lavoratori, vertenza arriva in Parlamento

Contro i licenziamenti massiccia mobilitazione

sia manifestazionedelle Organizzazioni sindacali,  che dei Consiglieri comunale della sinistra antiliberista di Pisa e Genova, in rete per portare avanti la battaglia per la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e, per sensibilizzare le istituzioni locali/nazionali affinché sollecitino Ericsson ad abbandonare questa sua posizione intransigente.

Inoltre il Comune di Pisa,  parte attiva per salvaguardare il lavoro e gli investimenti sull’innovazione pisana, con la vertenza arrivata in Parlamento tramite l’interrogazione dei deputati Pd pisani, per mercoledì è attesa la risposta del Governo

ericsson01agosto 2016 admin

L’azienda Ericsson, dopo il mancato accordo del 28 luglio scorso non ha fatto nessuna apertura ai sindacati, così  si è conclusa la prima fase della procedura di mobilità aperta da Ericsson il 13 giugno,  entro la fine di agosto dovrà essere esperita  la seconda fase di confronto presso il Ministero del Lavoro e Sviluppo Economico e Politiche Sociali.

Mercoledì prossimo è attesa la risposta del Governo sull’interrogazione dei deputati Pd pisani Maria Chiara Carrozza, Federico Gelli  e il Deputato Questore della Camera Paolo Fontanelli. Nel testo posto all’attenzione del Governo chiedono cosa vuola fare l’azienda e «quali iniziative intendono assumere i Ministri affinché vengano revocate le procedure di mobilità per il licenziamento dei lavoratori del centro di ricerca pisano e quali misure intendono adottare al fine di conoscere le strategie organizzative e di mercato che la multinazionale svedese ha intenzione di attuare nel nostro Paese e in particolare a Pisa».

«Mi è arrivata conferma dal presidente della Commissione Attività produttive Guglielmo Epifani che la risposta da parte del Governo all’interrogazione sulla vicenda Ericsson arriverà mercoledì prossimo», ha affermato il Deputato Questore della Camera Paolo Fontanelli.

pisa_protesta_ericsson_cnr_2016_06_16__Nel sito di Ricerca e Sviluppo pisano al momento lavorano quarantanove persone assunte a tempo indeterminato e quattro assunte a tempo determinato, più altre tre persone assunte dal Consorzio Coritel, di cui la Ericsson Telecomunicazioni Spa è partner. Il Sito è presente a Pisa dal 2001 e collabora con la Scuola Sant’Anna e il Cnr nell’ambito delle Telecomunicazioni, nonché con altre aziende operanti nella provincia di Pisa. Da sempre lavora e collabora con il sito di Genova per lo sviluppo delle reti di trasporto ottiche di prossima generazione.

Per tutela i lavoratori a rischio licenziamenti si sono mobilitati anche i Consiglieri Comunali di Pisa e Genova- “Chiediamo il ritiro del Piano di ristrutturazione e licenziamenti e la tutela di tutti i posti di lavoro. Contemporaneamente, lavoriamo perché i principi del neoliberismo su cui l’azienda si muove vengano finalmente messi in discussione a partire dalle loro fondamenta.” si legge nel comunicato stampa firmato dai Consiglieri comunali di Pisa e Genova,  Ciccio Auletta, Antonio Bruno, Cliza Nicolella, Giampiero Pastorino, Marco Ricci.

Il comunicato stampa giunto in redazione, prosegue così – “a Pisa abbiamo ottenuto l’approvazione di un atto di indirizzo per una legge regionale sull’insediamento di multinazionali nei nostri territori, subordinandone la presenza al rispetto di criteri di politica industriale basati sul principio dello sviluppo sostenibile e della responsabilità sociale e ad una serie di vincoli per non permettere delocalizzazioni speculative. A Genova siamo riusciti a far approvare un ordine del giorno sulla tutela occupazionale, che chiede coordinamento tra le istituzioni locali interessate dalla vertenza in modo da aprire un confronto con il Governo e le Regioni, affinché i bandi per lo sviluppo della banda ultra larga prevedano per chi partecipa incentivi e vincoli per l’occupazione e gli investimenti in Italia. E’ solo l’inizio del percorso che abbiamo aperto nei territori in cui lavoriamo e che da oggi proseguiremo insieme, perché non deve più accadere che un singolo territorio sia solo ad affrontare colossi”.

“I consiglieri comunali di Genova e Pisa, nel 2001 erano alla manifestazione contro il G8, – oggi, conseguenti con quello che abbiamo sempre detto e fatto, esprimiamo sostegno e solidarietà nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici nella loro vertenza con i vertici aziendali di Ericsson che, a giugno 2016, annuncia decine di licenziamenti per un processo di ristrutturazione nazionale che coinvolge quasi 400lavoratori. Sono interessati anche Genova e Pisa, poli importantissimi della multinazionale per i quali si prevedono o si sono previsti anche l’investimento diretto o indiretto di ingenti risorse pubbliche: sia in progetti di ricerca, sia in infrastrutture (come il Parco Tecnologico Erzelli a Genova)”.

Image and video hosting by TinyPicDi fatto questi investimenti, volti a favorire iniziative industriali ad alto impiego di ricerca e sviluppo, si rivelano inattuali e le spese in parte non riesigibili.

Le istituzioni hanno investito in ricerca per costruire tessuti economici di punta, che spingessero sull’innovazione e l’alta qualità ma, l’hanno fatto sulla base di un’idea superata di “sviluppo”, che ha favorito gruppi grandi e potenti senza spingere sulla costruzione di un sano tessuto economico indipendente che mettesse a frutto le competenze costruite col sistema formativo del Paese nei diversi territori, senza finanziare direttamente posti di lavoro in ambiti strategici dell’economia che oggi potrebbero anche sostenersi da soli.

Così si sono mericssonesse nelle condizioni di essere inermi davanti a questi colossi, e ora è evidente che sono state beffate. Ma che fa in questa situazione il governo italiano? Anziché lavorare per tutelare gli interessi dei propri cittadini e delle proprie cittadine, preferisce prestarsi ad iniziative di propaganda con Ericsson, partecipando al suo meeting annuale. E questo, dopo che la multinazionale si è rifiutata di sedersi al Mise per discutere dei tagli annunciati. Chi era a Genova nel 2001 non può non vedere ora in quello che accade ciò che aveva previsto, e che aveva denunciato senza essere ascoltato.

Il comportamento di Ericsson è frutto di un’idea predatoria dell’economia: le multinazionali sottraggono risorse ad un territorio e poi, quando hanno incassato tutto quello che possono, scappano. Senza nessuna responsabilità sociale, senza crisi. Anzi, permettendosi di parlare di crescita: la propria, naturalmente. Noi crediamo che chi riceve finanziamenti pubblici ne debba essere responsabile. Quindi, nel quadro attuale, la Ericsson deve restituire quanto ha avuto, e devono essere bloccate le ulteriori forme di finanziamento previste.

La Legge di Stabilità 2014 ha introdotto il principio della restituzione dei contributi pubblici ricevuti da aziende che delocalizzano, ma i requisiti sono tali da renderlo inutilizzabile: che senso ha parlare di delocalizzazione in paese extra-UE e perdita del 50% dell’occupazione, quando le aziende possono fare assunzioni precarie e trasferimenti giocando sui numeri dei lavoratori e delle lavoratrici e potendo sostenere che non delocalizzano affatto? “- concludono i firmatari del comunicato stampa.

parlamentoNelle prossime ore, tutti attendiamo  la risposta del Governo sull’interrogazione dei deputati pisani, sul futuro dei lavoratori a rischio licenziamento e sul futuro dell’economia.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)