11202018Headline:

Questa notte sì dormirà un’ora in più. Dopo sette mesi di ora legale, scatta alle 3 del 28 ottobre l’ora solare

27ottobre 2018 redazione

Quindi come ogni anno, dobbiamo spostare le lancette indietro di un’ora, come stabilito dalla direttiva 2000/84/Ce del Parlamento Europeo e del consiglio del 19 gennaio 2001. A quel punto il nostro orologio segnerà veramente l’orientazione della Terra rispetto al Sole.

Tornerà di nuovo in vigore dal prossimo 31 marzo 2019. Ma, questa potrebbe essere l’ultima volta, a fine agosto il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, aveva annunciato di voler abolire il cambio e la proposta sarà discussa prima dagli altri organismi comunitari e poi eventualmente dai singoli Stati. Ma perché esiste l’ora legale?

L’ora legale chiaramente è una convenzione, adottata da diversi paesi del mondo, per risparmiare energia elettrica nelle ore serali. L’ora legale fu inizialmente un’intuizione di Benjamin Franklin (l’inventore del parafulmine) nel 1784 , idea poi ripresa storicamente da altri con il solito obiettivo; il Risparmio Energetico. Secondo le stime preliminari registrate da Terna (società che gestisce la rete elettrica nazionale) in 7 mesi sono stati risparmiati 554 mln kWh e 111 milioni di euro e un valore corrispondente a minori emissioni di CO2 in atmosfera per 290 mila tonnellate. Alcuni studi indicano che effettivamente questo spostamento di orario potrebbe essere causa di disturbi a livello di stress, cefalee e sbalzi di umore… sicuramente gioca molto il fattore personale, probabilmente alcuni saranno più sensibili di altri e anche se non vi è una dimostrazione scientifica, possiamo dire che:

 “Fra stime non confermate e mancanza di dimostrazioni, l’unica Buona notizia è che dormiremo un’ora in più!”

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)