Russia, Iran, Turchia, Israele e la Siria

I recenti avvenimenti siriani (abbattimento di un Ilyushin russo e accordo tra Putin ed Erdoğan su Idlib) inducono ad alcune riflessioni a cominciare dalla gherminella israeliana che ha causato più di dieci morti russi.

21settembre 2018 di Pier Francesco Zarcone. Fonte: utopiarossa.blogspot.com

In un articolo comparso il 19 settembre sul sito l’Antidiplomatico, Alberto Negri notava che quando c’è di mezzo Israele Putin è meno decisionista del solito. E infatti finora non c’è stata alcuna concreta reazione russa a tante violazioni sioniste della sovranità siriana, al di là di certe formali proteste. Comunque, la prudenza in questo caso è più che giustificata, poiché – al di là del vivere in Israele circa un milione di ebrei russi – con Stati Uniti (e Francia) che ardono dalla voglia di scatenare un attacco militare contro la Siria, la  situazione potrebbe diventare critica da un  momento all’altro e la storia moderna ci insegna che certe cose si sa come cominciano ma non come poi evolvono. 

Nel caso dell’Ilyushin Israele ha rischiato molto e forse non sbaglia chi sostiene che la (finora) misurata reazione russa e la telefonata di Putin a Benjamin Netanyahu – in cui si è denunciata la violazione degli accordi per prevenire incidenti pericolosi  – insieme al silenzio israeliano attesterebbero che a Gerusalemme si è consapevoli di essere arrivati a un pelo dal limite. Sta di fatto che in sei mesi Israele ha effettuato circa 200 attacchi aerei e/o missilistici su obiettivi siriani.    

D’altro canto entrare in campo contro Israele è militarmente pericoloso, in ragione delle predette e non nascoste velleità degli alleati dello Stato sionista, per cui è più consigliabile per Mosca limitarsi alle manovre diplomatiche; quand’anche non sempre funzionino. Da tener presente che Israele fa comodo alla Russia per il suo prestarsi a manovre finanziarie utili per aggirare le sanzioni degli Usa e dell’Eu; il contro-favore è dato dagli ostacoli russi alla campagna di boicottaggio antiisraeliana.

Ma nel Vicino Oriente la fiducia è moneta assai rara, e lo dimostrano i continui interventi israeliani in Siria in funzione antiiraniana. Vale a dire, il governo di Israele sa benissimo cosa rappresenti per esso la presenza russa in territorio siriano, cioè un ostacolo all’egemonia dell’Iran su quel paese, ma – evidentemente non fidandosene sino in fondo – non rinuncia a propri interventi per colpire obiettivi e linee di rifornimento iraniani e di Hezbollāh. Tanto più che si tratta di nemici anche degli Stati Uniti, per cui può dirsi che tali azioni militari israeliane siano effettuate anche per procura statunitense.

Sembra che di fatto Israele si sia decisa ad accettare il salvataggio di Bashar al-Assad fatto dalla Russia, senza tuttavia rinunciare alle azioni contro la presenza iraniana in Siria, e in un certo senso la Russia lo permette, ma entro certi limiti, varcati nel caso dell’Ilyushin. Nella logica dei giochi internazionali di potenza non vale ricordare che sono stati appunto iraniani e milizie sciite a dare sul terreno una congrua mano per l’attuale vittoria del governo di Damasco, di cui la Russia è alleata; e neppure dice molto l’attuale ententefra Mosca e l’Iran.

Quest’ultimo aspetto è alquanto articolato. Sembra che quando nel 2015 Putin decise di intervenire in Siria (sede dell’unica base navale russa nel Mediterraneo, a Tartus) perché il governo di Assad era alle prese con una fase della guerra militarmente sfavorevole, a Damasco fosse in atto uno scontro tra settori dei servizi segreti e delle Forze Armate divisi circa l’opportunità o meno di buttarsi in braccio all’Iran ai fini della salvezza. L’intervento russo ha sorpassato tale problema, e Mosca ha conseguito sei risultati al suo attivo: messa in sicurezza della base di Tartus; salvataggio del governo di Assad legandolo strettamente a sé; accrescimento del proprio prestigio almeno nelle zone sciite del Vicino Oriente e nei settori  musulmani (anche sunniti) in attesa che qualcuno si decidesse a intervenire con efficacia contro i jihadisti; allontanamento del pericolo di una massiccia azione militare degli Stati Uniti e loro alleati nel caso di vittoria a Damasco della fazione filoiraniana, per quanto Obama fosse restio a imbarcarsi in una guerra contro l’Iran; garanzie all’Iran circa la possibilità di azione delle milizie sciite; ma anche virtuali garanzie a Israele circa il controllo russo sull’azione di queste milizie. Quest’ultimo tassello a maggio di quest’anno si sarebbe concretizzato in un accordo russo-israeliano, più o meno segreto, sul posizionamento di questi miliziani a un’adeguata distanza dal confine. 

L’attuale entente tra Russia e Iran non va sopravvalutata, bensì considerata semplicemente per quello che è: una contingente convergenza di interessi di ciascuna delle parti, nella quale la millenaria, astuta e paziente diplomazia persiana sa benissimo che al  momento conviene mandar giù il boccone – un po’ amaro – dell’interferenza russa sulle mire egemoniche dell’Iran anche riguardo alla Siria. D’altro canto, seppure col tratto terminale in cui “l’azionista di maggioranza” è la Russia, per certi versi l’agognato corridoio sciita potrebbe dirsi realizzato. Poi si vedrà, a seconda dell’evolversi degli scenari internazionali e locali. 

L’ulteriore successo di Putin si è verificato a Sochi il 16 settembre  mediante l’accordo concluso con Erdoğan su Idlib, sostanzialmente rinviando a data da destinarsi l’offensiva militare russo/siriana contro l’ultimo pezzo di Siria in mano ai jihadisti. In questo modo si è scongiurato il minacciato intervento statunitense (a tutela dei jihadisti accampando pretesti umanitari) qualora l’offensiva avesse avuto inizio. Anche qui Putin si è mosso accortamente accordandosi con la Turchia e l’Iran e tagliando fuori Washington, a cui è stato altresì tolto il pretesto per l’intervento. Si potrebbe considerare l’ultima incursione israeliana in Siria come frutto della rabbia per l’accordo di Sochi. Difatti, nel citato articolo, Alberto Negri ha concluso che due ex imperi, il russo e l’ottomano, benedetti da quello persiano, si sono accordati mentre l’impero americano ha lasciato che Israele bombardasse senza chiedere il permesso di nessuno.

Superfluo dire che si tratta di un’intesa pro tempore: la creazione di una zona-cuscinetto presidiata da una forza congiunta di polizia militare russa e soldati turchi, per separare jihadisti ed esercito siriano, come pure la consegna delle armi pesanti da parte dei primi sono misure palesemente funzionali a creare spaccature tra i ribelli più radicalizzati (per esempio Hayat Tahrir al-Sham, la costola di al-Qaida) e quelli maggiormente propensi a un accordo di accordo di pace garantito dalla Turchia. Una volta raggiunto questo obiettivo, la Turchia (in fin dei conti ancora membro della Nato) dovrebbe consentire l’attacco russo/siriano per eliminare gli ultimi irriducibili.

Recommended For You

About the Author: Pisorno

33 Comments

  1. I was extremely pleased to discover this website.
    I want to to thank you for your time due to this fantastic read!!
    I definitely really liked every little bit of it and I have
    you book-marked to check out new information in your blog.

  2. I pay a quick visit every day a few web pages and
    sites to read articles or reviews, however this web site provides feature based articles.

  3. Excellent web site. Lots of useful information here.
    I’m sending it to several buddies ans additionally sharing
    in delicious. And obviously, thank you on your effort!

  4. Are you gonna be a togel online player? Have the news inside the site earliest
    to get the virtually all popular information. You will notice
    correct estimations and how to value.

  5. What i don’t understood is in reality how you are now not really much more well-appreciated than you
    might be right now. You’re so intelligent. You know thus considerably with regards to this
    topic, made me individually imagine it from a lot of various angles.
    Its like women and men are not involved except it is one thing to do with Lady gaga!

    Your individual stuffs great. Always handle it up!

  6. I have to thank you for the efforts you have put in writing this blog.
    I am hoping to view the same high-grade content from
    you in the future as well. In fact, your creative writing abilities has motivated me to get my own blog now 😉

  7. Hi, yeah this article is genuinely fastidious and I have
    learned lot of things from it on the topic of blogging.
    thanks.

  8. Hey there! I could have sworn I’ve been to this blog before but after checking through some
    of the post I realized it’s new to me. Anyways, I’m definitely happy I found it and
    I’ll be bookmarking and checking back frequently!

  9. whoah this blog is magnificent i like studying your articles.
    Stay up the good work! You already know, many individuals
    are searching around for this info, you could aid
    them greatly.

  10. Ahaa, its good conversation about this post here at this web site, I have read all that, so at this time me also commenting here.

  11. Hey there! I just wish to offer you a big thumbs up for the
    great information you’ve got right here on this post.
    I’ll be coming back to your blog for more soon.

  12. Magnificent beat ! I wish to apprentice whilst you amend your
    site, how could i subscribe for a weblog site? The account helped me a acceptable deal.
    I were tiny bit familiar of this your broadcast provided vibrant clear
    concept

  13. Do you have a spam issue on this blog; I also am a blogger, and I
    was wanting to know your situation; many of us have developed some nice
    procedures and we are looking to exchange methods with other folks, please
    shoot me an e-mail if interested.

  14. I’m impressed, I have to admit. Seldom do
    I come across a blog that’s both equally educative and interesting,
    and let me tell you, you’ve hit the nail on the head.
    The problem is something that too few people are speaking intelligently about.
    I am very happy I came across this during my hunt for something concerning this.

  15. My brother suggested I might like this blog. He was entirely right.

    This post truly made my day. You cann’t imagine just how much time I had
    spent for this information! Thanks!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.