06232018Headline:

Senza di noi la parola lesbica sarebbe ancora e soltanto un insulto!

Nei giorni in cui in America uccidono 50 omosessuali, nasce ArciLesbica PisaLivorno

16maggio 2016 da Annastella Giannelli

arcilesbicaNegli USA uccidono barbaramente 50 tra gay e lesbiche, in molti altri paesi esiste ancora la pena di morte “per omosessualità”, e anche a casa nostra è sempre forte l’odio e l’intolleranza contro le persone LGBTQI (Lesbian Gay Bisexual Transexual Queer e Intersexual).

Poiché c’è ancora molto da lavorare per contrastare questo pesante e diffuso clima di omofobia, si è  costituita la nuova associazione Arcilesbica PisaLivorno: nata dalla fusione del circolo Arcilesbica Pisa con un gruppo di lesbiche livornesi, già da due anni attiviste del Tavolo Livorno Rainbow.

“Piuttosto che creare un duplicato dell’esperienza pisana – dichiarano le fondatrici – abbiamo preferito unire le forze. Quello che conta è che adesso a Pisa e a Livorno c’è un nuovo soggetto politico, una nuova realtà che abbiamo fortemente voluto e di cui sentivamo il bisogno”.

Ricordiamo che Arcilesbica è l’unica associazione lesbica a carattere nazionale: è strutturata in circoli locali, autonomi nella gestione delle iniziative, ma anche collegati e organizzati in rete a livello regionale e nazionale.

Il primo vero obbiettivo su cui concentrare le forze è quello della visibilità. Le statistiche mondiali parlano chiaro e sono dati inconfutabili: 1 donna su 7 non è eterosessuale. Quindi le lesbiche esistono ma non tutte hanno ancora la forza di accettarsi, di uscire allo scoperto; la forza di vivere la loro vita affettiva e sessuale alla luce del sole.

lesbica dirittiArcilesbica, già a partire dal nome, ha fatto della visibilità il suo elemento fondante. Senza di noi la parola lesbica sarebbe ancora e soltanto un insulto. Il nostro impegno politico e sociale è anche quello di testimoniare quotidianamente che una vita alternativa a quella nell’ombra esiste ed è percorribile.

E in effetti a vederle queste donne di varia età, professioniste, alcune madri, altre con storie eterosessuali alle spalle, hanno tutte in comune la serenità: quella di chi ha deciso di vivere in tranquillità la propria vita accanto a un’altra donna senza nascondersi.

Arcilesbica quindi si candida fin da subito a diventare un punto di riferimento per tutte quelle donne che si sentono sole e isolate o che pensano che è toccata loro in sorte una disgrazia. Niente di più falso: si può essere lesbica e donna felice, l’una non esclude l’altra, anzi.

Per fortuna però le nuove generazioni non appaiono tutte così titubanti. Alcune delle prossime iniziative che verranno messe in campo saranno indirizzate proprio alle più giovani perché sappiano che in Arcilesbica potranno sempre trovare accoglienza e confronto, specialmente quelle ragazze che in famiglia respirano un clima di chiusura e di condanna sociale.

Oltre alla conferma della presidente Erica Recupero, sono state nominate come rappresentanti di Arcilesbica nel Coordinamento Livorno Rainbow, Carlina Benvenuti e Valentina Benivegna.

La primissima iniziativa del nuovo circolo sarà quella di partecipare al Toscana Pride di Firenze del 18 giugno, sfilando dietro al suo striscione nuovo di zecca. Tutte le donne e le ragazze che vorranno unirsi saranno le benvenute.

Per informazioni cell. 3890561872 (Annastella)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 5 votes)