10192018Headline:

The Darkness a Settembre // Prato è spettacolo: report e photogallery

Coriandoli, reggiseni, fumo, stage diving: cosa c’è di più divertente di un concerto dei Darkness?

9 Settembre 2018, di Michele Faliani

©2018 pisorno.it

Coriandoli dorati che esplodono già a metà della prima canzone, fans indemoniate che lanciano i loro reggiseni sul palco, luci e fumo, il cantante Justin Hawkins che già dopo 10 minuti mette in mostra il fisico fino a rimanere in mutande, stage diving e tanto rock and roll: il concerto dei Darkness in Piazza del Duomo per Settembre//Prato è spettacolo è stato un divertimento unico, un tuffo in un rock glam dal sapore seventies che in alcuni punti è sfiociato (volontariamente) nel kitsch e nell’eccesso, tra un supporto per rullante rotto dal batterista per la forza con cui stava usando le bacchette e il giro della platea sulle spalle di un uomo della security di Justin; che fra un falsetto e l’altro e qualche dialogo con la chitarra del fratello Daniel ha finito per eseguire i bis in mutande, tanto per non farsi mancare niente. Ok, magari ‘sti Darkness non è che siano poi originalissimi, sarà che sulla rufianeria degli arrangiamenti e sul sapore seventies del loro look ci giocano anche troppo, ma finché una band riesce a rendere felici quasi 3000 fans, ben vengano tutti gli eccessi che ci hanno mostrato. Far star bene la gente è il compito principale dei concerti.

Grazie a Fonderia Cultart per l’ospitalità.

La scaletta del concerto:

  • Solid Gold
  • Growing on Me
  • Open Fire
  • Love Is Only a Feeling
  • Japanese Prisoner of Love
  • Black Shuck
  • Southern Trains
  • One Way Ticket
  • Barbarian
  • Friday Night
  • Every Inch of You
  • Buccaneers of Hispaniola
  • Stuck in a Rut
  • Givin’ Up
  • Get Your Hands Off My Woman
  • I Believe in a Thing Called Love
    Encore:
  • Love on the Rocks With No Ice

La photogallery del concerto:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)