07202019Headline:

Urgente richiamo: la Turchia minaccia di invadere ancora il Rojava

14dicembre 2018 da UIKI Onlus Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia

L’amministrazione democratica autonoma della Siria settentrionale e orientale condanna le minacce di Erdogan e invita la comunità internazionale ad agire nella seguente dichiarazione:

“A nome del Consiglio esecutivo della DAA della Siria settentrionale e orientale, condanniamo le dichiarazioni ostili e le minacce contro le nostre regioni. Dall’inizio della crisi siriana, Erdogan ha cercato di tagliare parti della Siria e assegnarle alla Turchia. Vuole ristabilire i confini della Carta del Mullah, l’obiettivo di Erdogan non è il nord est della Siria, ma l’unità territoriale siriana, e nel momento in cui ISIS fa il suo ultimo respiro in Deir ez-Zor, Erdogan sta provando, attraverso le sue minacce, a invadere la Siria per alleggerirli e prolungare la loro vita. Lo scopo dello stato turco è anche quello di colpire il tessuto sociale siriano e la convivenza nella Siria settentrionale e orientale.

Queste dichiarazioni ostili mirano ai guadagni realizzati dai paesi della Coalizione internazionale nella lotta contro il terrorismo e la sua eliminazione nell’ultima roccaforte e obiettivo dello stato di sicurezza e sicurezza che il popolo siriano ha iniziato a vivere nell’est dell’Eufrate, e questo è ciò che fa l’attuale regime turco. Pertanto, noi della Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale facciamo appello alla comunità internazionale, guidata dalle Nazioni Unite e dall’Alleanza internazionale, per prendere posizione contro i piani aggressivi di Erdogan, perché questa è una violazione del diritto internazionale ed è uno stato di occupazione.

  • Chiediamo ai paesi che partecipano alla NATO di opporsi alle politiche di Erdogan, in quanto è contrario ai principi dell’Alleanza perché si rivolge a un’area che non rappresenta una minaccia per la sicurezza.
  • Chiediamo anche al governo siriano di assumere una posizione ufficiale contro questa minaccia perché Erdogan vuole occupare una parte della Siria e questo significa un attacco alla sovranità siriana.
  • Facciamo anche appello alle forze democratiche della regione e del mondo per sostenere la volontà dei nostri popoli e unirci a noi contro l’IS sostenuta da Erdogan e contrastare il genocidio che Erdogan ha dichiarato contro di noi.

Noi, come Amministrazione Democratica nel nord e nell’est della Siria, dichiariamo l’allarme generale e chiediamo a tutti i politici siriani di rimanere uniti contro le politiche coloniali dello stato turco. Oggi è il giorno in cui dedicare tutte le nostre energie per proteggere la nostra terra, la nostra gente. Dobbiamo fare tutto quanto è in nostro potere per preservare l’unità della nostra terra e l’unità e la fratellanza dei nostri popoli “.

Segnali di Erdogan per una nuova invasione nella Siria settentrionale

Il presidente turco Erdogan ha parlato di una nuova data per una nuova operazione di invasione prendendo di mira i curdi del Rojava. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è intervenuto nell’incontro dell’Industria della difesa turca che si è tenuto nel Centro culturale e Congresso nazionale di Bestepe e ha dichiarato:

“Abbiamo detto che lanceremo un operazione militare per liberare in alcuni giorni la zona est dell’Eufrate dall’organizzazione separatista, e ribadiamo questa dichiarazione.”

Denaro per la guerra e per le armi, non per la gente

Erdogan ha anche aggiunto che la spesa per gli armamenti aumenterà. In un momento di profonda crisi finanziaria e di aumento della povertà e della disoccupazione, Erdogan afferma:

“”Stiamo dando seguito a 650 opere che arrivano a un totale di 60 miliardi di dollari in costi di progetto nel settore della difesa. Noi rafforzeremo ulteriormente l’elicottero ATAK.”

Carri armati e Ucav 

Il presidente turco ha aggiunto che UAV (aerei senza pilota ndr) e UCAV (aerei da guerra senza pilota) saranno rafforzati e che svilupperanno ulteriormente il carro armato Altay.

La manifattura nazionale è tedesca

Nella prima tornata saranno prodotti 250 carri armati. Tutti i motori e le attrezzature da guerra nei carri armati sono prodotti in Germania, ed il progetto è retto dal miliardario filo Erdogan malesiano Albukhary e dall’Emirato del Qatar.

Crimini di guerra

Lo Stato turco ha agito insieme ad ISIS, Al- Qaeda e ad altri gruppi sin dall’inizio della guerra siriana, e da allora ha costituito e formato i propri gruppi. Lo stato turco ha invaso Afrin a marzo, e ha commesso sistematici crimini di guerra, prevalentemente omicidi, esecuzioni e sequestri, torture , stupri, furti, saccheggi, esilio forzato e assimilazione.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)