Il Manifesto perde una grande firma. Interrotta la ventennale collaborazione con Geraldina Colotti

“A tutte e a tutti. Sono in Venezuela, dove le destre si preparano all’ora zero” per impedire l’Assemblea costituente che porterebbe il paese verso qualcosa di simile allo Stato dei soviet. Metto qui gli articoli che non vedrete più su manifesto e che si possono diffondere e condividere.” 

“Maduro nel mirino della Cia”

26luglio 2017 da: Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati, Ass.ne Pisorno, Ass.ne Italia-Nicatagua, Ass.ne Italia-Cuba e Libera Università “A.Bicchierini”

Con queste parole pubblicate nella notte sulla sua pagina Facebook, Geraldina Colotti, giornalista, scrittrice e responsabile dell’edizione italiana de Le Monde Diplomatique, comunica con grande rammarico la fine della sua collaborazione con il quotidiano Il Manifesto. “Purtroppo hanno deciso di censurarmi”, scrive la giornalista rispondendo ad uno dei tantissimi messaggi di solidarietà giunti nell’arco di poche ore. Una decisione, quella presa nei confronti di Geraldina, da vent’anni collaboratrice del giornale, maturata negli ultimi tempi a seguito di divergenze createsi nei riguardi della delicata situazione in Venezuela, che la giornalista racconta, come lei stessa afferma, “documentandosi”. Unica voce fuori dal coro mediatico main stream nazionale che fino ad oggi ha contribuito a contrastare la massiccia opera di disinformazione messa in atto anche da parte del servizio pubblico radiotelevisivo – come già denunciato anche dal GIGA sulle pagine di pisorno.it -. 

A Geraldina, donna forte e indipendente, che da sempre si è presa la responsabilità delle proprie scelte, giornalista rigorosa e illuminante, “voce chiara dell’America Latina”, compagna di lotta ed amica, va la più completa solidarietà del GIGA (Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati) e dell’Associazione Italia-Nicaragua di Livorno, che auspicano anche un ripensamento da parte della dirigenza del “quotidiano comunista”.

Di seguito il testo dell’articolo pubblicato stanotte da Geraldina Colotti, Caracas

“Incontriamoci per evitare la catastrofe”

Dalla cerimonia per la nascita di Simon Bolivar che ha aperto la settimana storico-culturale per i 450 anni di Caracas, il presidente Nicolas Maduro rivolge un appello solenne all’opposizione. Sul palco, i vertici del governo e delle Forze Armate. Gesti, discorsi e messaggi vertono sull’indipendenza e sulla determinazione a difenderla in un momento particolarmente delicato per la Repubblica bolivariana.

“Non siamo più ai tempi del colonialismo”, dice ancora Maduro denunciando che “la Cia prepara un golpe in Venezuela con la complicità del Messico e della Colombia” e chiedendo ai due governi latinoamericani di esprimersi in merito.

La denuncia si basa sulle dichiarazioni di Mike Pompeo, direttore della Cia, e sugli avvertimenti di Washington in merito a quel che potrebbe accadere durante “72 ore” a Caracas.

“Sono stato a Bogotà ed in Messico due settimane fa – ha dichiarato Pompeo durante un forum sulla sicurezza ad Aspen il 20 luglio scorso – e ho evocato il tema di una transizione politica in Venezuela, cercando di aiutarli a capire cosa potrebbero fare per ottenere risultati migliori in questo angolo del mondo”

Poi è arrivata la smentita da Messico e Colombia, ma le parole di Pompeo non vengono prese sottogamba, né in Venezuela né fuori. L’opposizione ha rifiutato in blocco la proposta dell’Assemblea nazionale costituente (Anc) definendola “una prostituente” e ha indetto 48 ore di sciopero generale, minacciando di impedire con la forza ai cittadini di andare a votare. Il Consejo Nacional Electoral (Cne) ha disposto misure di sicurezza per garantire ai cittadini che vivono nei quartieri di opposizione dove più forti sono le violenze (19 chavisti sono stati bruciati vivi dagli oltranzisti) di votare in altri seggi. Per le destre – appoggiate da Trump, dalla “comunità internazionale” e dalle gerarchie ecclesiastiche che temono l’instaurazione “del socialismo cubano” – la via è un’altra: quella di un governo parallelo da avviare a tappe forzate, ad uso e consumo dello scenario internazionale. Per questo, hanno già nominato altri giudici del Tribunal Supremo de Justicia (Tsj), l’istanza deputata all’equilibrio dei 5 poteri di cui si compone la repubblica presidenziale. Il criterio è quello del colore unico, che contraddice apertamente il percorso di nomina “dal basso” vigente in Venezuela. Uno dei magistrati è già stato arrestato, gli altri hanno annunciato che opereranno dalla clandestinità. La Mud (Mesa de la Unidad Demoratica) ha presentato una sorta di programma del “governo di transizione” che ha già suscitato zuffe all’interno della litigiosa coalizione, e ha annunciato che a breve si svolgeranno le primarie per definire il nome del “presidente”.

Il governo ha denunciato all’Onu le minacce di Trump e di Federica Mogherini per la Ue di imporre nuove pesanti sanzioni se Maduro non recede dall’Anc. Oggi e domani, anche il Parlamento italiano, su richiesta del Pd, prende nuovamente posizione a favore del “governo parallelo”. In videoconferenza, i rappresentanti del Parlamento, a maggioranza di opposizione dopo le elezioni del dicembre 2015. Il Pd sostiene “con forza la proposta di mediazione avanzata dal Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni insieme al premier spagnolo Mariano Rajoy, con le condizioni che tutti gli organismi internazionali considerano irrinunciabili: liberazione immediata dei detenuti politici, apertura di un canale per gli aiuti umanitari, rispetto delle prerogative costituzionali del Parlamento e convocazione di libere elezioni a suffragio universale».

Un calendario elettorale è già stato fissato, anche il leader delle destre, Leopoldo Lopez (Voluntad Popular) ha lasciato il carcere per gli arresti domiciliari. Le destre e i loro sostenitori, però, hanno fretta di liberarsi della costituzione bolivariana per tornare alla via neoliberista.

Dopo un periodo di impegno in altre aree più turbolenti del pianeta, gli Usa di Trump e dei suoi petrolieri hanno deciso di rimettere la mano sul “cortile di casa”. Il primo obiettivo sono le straordinarie risorse del Venezuela, dal petrolio, all’oro, ma c’è anche un motivo più contingente per Trump: quello di distogliere l’attenzione dai suoi numerosi grattacapi interni, ricompattando “l’unità nazionale” contro “il pericolo rosso”. 

“Non c’è un’alternativa al dialogo e alla ricerca del consenso. Qualunque alternativa porta a un conflitto grave, molto grave”, ha dichiarato l’ex presidente spagnolo Zapatero, capo dei mediatori tra governo e opposizione. “Non posso essere più esplicito – ha aggiunto Zapatero – ma il dialogo tra le parti è esistito, esiste ed esisterà nonostante tutto quel che sta accadendo”, e il calendario elettorale fissato verrà rispettato. 

Il 30 luglio  si voterà per l’Assemblea nazionale costituente, proposta da Maduro per rilanciare la pace con giustizia sociale a tre mesi dall’attacco dei gruppi oltranzisti, che hanno provocato già 100 morti e danni per miliardi alle strutture e al territorio. Domani si chiude una campagna elettorale che ha rimesso in moto le energie più feconde della società venezuelana. Candidati e candidate proposte dalla base e non dai partiti hanno presentato le loro proposte per spingere in avanti la democrazia partecipata, colmandone i ritardi, i burocratismi, i passi falsi, e capitalizzandone gli aspetti duraturi. Le proposte riguardano l’economia, l’organizzazione sociale, la giustizia e i diritti sociali – come il matrimonio gay o l’aborto – che non è stato possibile includere nella pur avanzata costituzione del 1999 per la forte opposizione della chiesa cattolica.

Lo slogan, che anima motivetti in tutte le salse è questo: “La costituyente sì va”.

Per quanti interessati, proponiamo la lettura di alcuni articoli di Geraldina Colotti, ai seguenti link: 

Recommended For You

About the Author: Pisorno

35 Comments

  1. If some one desires to be updated with most up-to-date technologies after that he must be visit this web page and
    be up to date everyday.

  2. Hello, this weekend is good designed for me,
    for the reason that this point in time i am reading this wonderful educational article here
    at my house.

  3. Thanks in favor of sharing such a good opinion, post is fastidious, thats why i have read it
    completely

  4. Hi, i read your blog occasionally and i own a similar
    one and i was just wondering if you get a lot of spam feedback?
    If so how do you protect against it, any plugin or anything you can recommend?

    I get so much lately it’s driving me insane so any assistance is very much appreciated.

  5. If you want to take a good deal from this paragraph then you have to apply these methods to your won blog.

  6. Do you have a spam problem on this website; I also am a blogger, and
    I was wanting to know your situation; we have created some nice procedures and we
    are looking to exchange strategies with other folks, please shoot me an email if interested.

  7. I was wondering if you ever considered changing the page
    layout of your blog? Its very well written; I love what youve got to
    say. But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better.

    Youve got an awful lot of text for only having one or 2 pictures.
    Maybe you could space it out better?

  8. Truly when someone doesn’t understand afterward its up to other visitors
    that they will help, so here it takes place.

  9. Your style is so unique in comparison to other people I have read stuff from.
    Many thanks for posting when you’ve got the opportunity, Guess
    I will just book mark this web site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.