09212019Headline:

In attesa del Leone d’oro esce “Mio fratello rincorre i dinosauri”

Siamo alle battute finali della Mostra del cinema di Venezia ed i candidati  al Leone d’oro ed ai premi prestigiosi sembrano ormai i film Joker, Marriage Story, J’Accuse, Le Veritè, ma in attesa del verdetto finale è già  nelle sale un film presentato alle ‘Giornate degli autori’  che ha riscosso molti consensi  ‘Mio fratello rincorre i dinosauri’ diretto da Stefano Cipani.

6 Settembre 2019, di Donatella Nesti

Il  film  segue la storia di Jack  che fin da piccolo ha creduto alla tenera bugia che i suoi genitori gli hanno raccontato, ovvero che Gio (suo fratello), fosse un bambino “speciale”, dotato di incredibili superpoteri, come un eroe dei fumetti. Con il passare del tempo Gio, affetto dalla sindrome di Down, per suo fratello diventa un segreto da non svelare. Con questo sentimento nel cuore, trascorre il tempo delle scuole medie. Quando Jack conosce il primo amore, Arianna , la presenza di Gio, con i suoi bizzarri e imprevedibili comportamenti, diventa per lui un fardello tanto pesante da arrivare a negare ad Arianna e ai nuovi amici del liceo l’esistenza di Gio. Ma non si può pretendere di essere amati da qualcuno per come si è, se non si è in grado per primi di amare gli altri accettandone i difetti. Sarà proprio questo l’insegnamento che Jack riceverà da suo fratello grazie a quel suo originale punto di vista sul mondo e riuscirà a farsi travolgere dalla vitalità di Gio comincerà a pensare che è davvero un supereroe.

Il film è tratto dal romanzo autobiografico di Giacomo Mazzariol che ha avuto un forte impatto sulla immaginazione del regista.  “La famiglia Mazzariol è dirompente” dichiara il regista” la loro indole e il loro senso di risolutezza è un esempio di umanità. La trama del film ruota intorno a una bugia terribile, spaventosa ma spontanea. Ciò che mi premeva era portare sullo schermo le emozioni e lo stato d’animo di Jack, un ragazzino di 13 anni che si confronta con la disabilità del suo tanto desiderato fratellino. Trovo affascinante, poetico e universale l’immagine di un adolescente che scappa dalla paura, fugge il confronto e che s’innamora per dimenticare, creandosi una nuova identità. Alla luce della particolarità e unicità di una storia autobiografica come quella dei Mazzariol, offro un respiro universale nella forma, ambientando la storia in un “non luogo” perso tra le pianure del Nord e città dal sapore medioevale, senza mai nominarle; in un tempo indefinito dove si ritrovano a convivere automobili d’epoca e computer portatili. Tutto questo al fine di caratterizzare la trama con connotati favolistici a favore del punto di vista di un bambino e di un adolescente irrisolto. Sono stato volutamente crudo, coinvolgendo lo spettatore nella profonda instabilità del reale e al contempo, leggero, provocando il fantastico, delineando un mondo vintage, country, ai confini del surreale. “

Bravissimi tutti i bambini  FRANCESCO GHEGHI, GEA DALL’ORTO, MARIA VITTORIA DALLASTA, SAUL NANNI, ROBERTO NOCCHI, EDOARDO PAGLIAI, ARIANNA BECHERONI e LORENZO SISTO.  Nel ruolo dei genitori Alessandro Gassman ed Isabella Ragonese e c’è un simpatico cameo  di Rossy De palma musa di Almodovar.Un film delicato e senza pietismi che mette in discussione il concetto di normalità.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)