11202018Headline:

‘Persone private della libertà e diritti negati’. Evento alla Scuola Sant’Anna di Pisa, giovedì 25 ottobre

Sarà presente Daniela De Robert, membro collegio Garante diritti persone private della libertà

23ottobre 2018 da Lory Biondi, Pisa

“Persone private della libertà e diritti negati”. È il titolo dell’evento promosso dall’associazione di volontariato penitenziario Controluce e dalle associazioni Allievi ed ex Allievi della Scuola Sant’Anna in collaborazione con il Cesvot e con altre realtà del territorio, che si terrà giovedì 25 ottobre, alle 21, nell’Aula Magna della Scuola Sant’Anna di Pisa, in Piazza Martiri della Libertà, 33.

L’incontro, aperto a tutti i cittadini, vede la partecipazione di Daniela De Robert, componente del collegio del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà. Con lei dialogherà Tommaso Greco, docente di Filosofia del Diritto dell’Università di Pisa e il confronto sarà moderato da Francesca Biondi Dal Monte, coordinatrice dell’associazione ex Allievi e ricercatrice di diritto costituzionale alla Scuola Sant’Anna. La figura del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, istituita nel 2013 a partire dall’esperienza dei garanti locali, opera come organismo indipendente di controllo sui luoghi di privazione della libertà personale, quali gli istituti penitenziari, i luoghi di polizia, i centri per gli immigrati, le residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza. L’incontro vuole mettere in luce l’importanza delle funzioni svolte da questa Istituzione nonché, più in generale, l’esigenza, per la comunità, di vigilare affinché le situazioni di privazione della libertà non degenerino in condizioni che la Convenzione europea dei diritti dell’uomo definisce “trattamenti inumani o degradanti”, quindi tali da violare la dignità della persona.

L’iniziativa appare tanto più importante in un tempo come quello che stiamo vivendo che vede costruire, rialzare, fortificare, a tanti livelli, muri difensivi:

“muri materiali verso chi cerca una vita diversa in luoghi diversi, abbandonando la implicita sicurezza personale di ciò che è noto e avendo però la consapevolezza che ciò che è noto è insopportabile per sé e per i propri cari. Muri immateriali, ma ugualmente solidi, verso chi vede restringersi le reti di inclusione ed è spesso spinto in un’area di irrilevanza sociale che apre al rischio di irregolarità e illegalità” (dalla Relazione del Garante al Parlamento del 2017). Nella Relazione al Parlamento 2018 il Garante sottolinea chiaramente che: “l’introduzione di un organismo di vigilanza e monitoraggio non è di per sé sufficiente alla prevenzione di possibili situazioni di non rispetto della dignità della persona, né alla effettività della tutela dei diritti di chi, privato della libertà, è affidato alla responsabilità dello Stato. Occorre sempre far crescere la cultura dei diritti, in primo luogo in chi in tali Istituzioni opera e, parallelamente, nella società esterna che affida a essi un compito di delega non semplice.”

L’incontro sarà, dunque, utile a far emergere le problematiche connesse alla tutela dei diritti delle persone che, per diversi motivi, si trovano in una condizione di privazione della libertà (e di conseguente marginalità), in una realtà che appare sempre più difficilmente comprensibile e governabile. Si vuole, inoltre, stimolare, attraverso il dibattito e gli interventi di operatori e volontari che lavorano nei luoghi “vigilati” dal Garante, il formarsi di una nuova capacità di lettura del contesto sociale, nonché sottolineare la necessità di impegnarsi, a tutti i livelli nelle nostre comunità, per l’accettazione della diversità e la costruzione di nuove basi per la coesione e la solidarietà.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)