04202018Headline:

Pisa: Gli studenti dell’Erasmus+ hanno costruito una Yurta nell’atrio di Palazzo Blu

La tipica abitazione delle popolazioni nomadi fa parte della mostra su “Il viaggio di Marco Polo nelle fotografie di Michael Yamashita”

23marzo 2018 da Palazzo Blu. Foto Michele Faliani

L’atrio di Palazzo Blu ospita da oggi una Yurta, la tipica abitazione delle popolazioni nomadi dell’Asia centrale, che poteva essere smontata, spostata e assemblata in un tempo relativamente breve.

Il montaggio della Yurta è stata realizzato in occasione della mostra fotografica “Il viaggio di Marco Polo nelle fotografie di Michael Yamashita (24 marzo-1° luglio), realizzata per la Fondazione Palazzo Blu dal “National Geographic”, con il contributo della Fondazione Pisa e del Museo Nazionale d’Arte Orientale Giuseppe Tucci. Resterà in esposizione per l’intero periodo della mostra. La Yurta è stata montata da alcuni studenti Erasmus+ attualmente all’Università di Pisa con il progetto di mobilità extraeuropea “KA 107”, insieme al professor Pier Giorgio Borbone, ordinario di Semitistica-lingue e letterature dell’Etiopia. Gli studenti coinvolti, provenienti dal Kirghizistan, Kazakistan e Mongolia, hanno così avuto l’opportunità di far conoscere la loro tradizione culturale proprio nel giorno in cui ricade la Festa del Nawruz, ricorrenza che celebra il nuovo anno.

La professoressa Ann Katherine Isaacs, esperta di programmi europei per la formazione e la ricerca e profonda conoscitrice delle regioni dell’Asia centrale, è intervenuta a sottolineare il grande contributo che i progetti di mobilità forniscono all’inclusione e alla reciproca virtuosa conoscenza, oltre naturalmente a quello più strettamente scientifico e accademico.

In occasione della mostra, la Fondazione Palazzo Blu e l’Università di Pisa hanno stipulato una convenzione che consente l’ingresso a tariffa ridotta agli studenti, ai docenti e al personale dell’Ateneo.

La fotogallery (clicca per ingrandire):
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +4 (from 4 votes)